Pagelle Sampdoria-Genoa: Kucka è l’arma in più, Macheda quella in meno

SAMPDORIA

Curci 5,5: Dalla lunga distanza, anche ieri, ha dimostrato di non essere proprio il miglior portiere in circolazione. Peccato, perché chiude la porta più che bene per il resto della gara.

Zauri 6,5: La chiusura su Floro Flores e su Palacio, entrambe in occasioni chiave, gli fanno guadagnare la prestazione più bella della sua stagione.

Gastaldello 5,5: Esce per un attacco influenzale, ma la situazione in 45′ non era stata eccellente. (1′ st. Volta 6: Riesce a non farsi coinvolgere nel momento negativo della squadra e tiene alta la difesa)

Lucchini 5,5: Fa il possibile.

Ziegler 5: Rafinha lo annulla e lo supera ogni volta che affonda.

Dessena 5: Non entra mai in partita e non riesce mai ad interrompere il gioco avversario. (28′ st. Zaza 5,5: Si getta su ogni pallone, un po’ troppo selvaggiamente, ma conclude poco).

Palombo 5: Deve impegnarsi a rompere le avanzate avversarie e allo stesso tempo a dettare i tempi: qualche lancio, qualche grande intervento, ma isole nell’oceano.

Poli 5,5: Fosse stato quello di domenica non ce ne sarebbe stato per nessuno. Una grandissima occasione nel finire di partita sciupata.

Guberti 6: Ha l’occasione più nitida della partita, dopo essersela creata. Da seconda punta prova a fare il possibile.

Macheda 4: Quando esce, si può dire, la Sampdoria gioca meglio. (10′ st. Mannini 5,5: Dura pochissimo e non cambia la partita)

Maccarone 6: Il primo tempo è da dimenticare, nel secondo invece appena esce Macheda trova sostanza e dribbla gli avversari: ci mette grinta e coraggio.

GENOA

Eduardo 7: Nella partita più difficile lui sfodera la prestazione più bella.

Mesto 7: Insieme a Rafinha riesce ad annullare Ziegler creando grandi sovrapposizioni.

Dainelli 7: Non dà spazio nè a Macheda nè a Maccarone. Li annulla e non li fa muovere.

Kaladze 7: Sembra rinnovatosi e insieme a Dainelli è insuperabile.

Criscito 7: Si scatena sulla fascia nel secondo tempo, nel primo invece è leggermente attendista.

Rafinha 7,5: L’uomo mercato del Genoa: tanti acquisti sbagliati ma lui sicuramente no. Un grandissimo tiro che risolve il derby. Non se lo dimenticherà.

Milanetto 7: È il doppio di Palombo: crea, interrompe, ferma e riparte. Lotta su ogni pallone. Indomabile.

Kucka 8:
Il migliore del Genoa. Arriva al tiro più volte sfiorando il goal sia sullo 0 a 0 che sull’1 a 0. Va in difesa e va in attacco: un motorino instancabile. La partita il Genoa la vince con lui.

Rossi 7: Una traversa piena, ma poi tantissima sostanza e anche per colpa di Curci non trova la gioia del goal.

Palacio 6: Non è un grande bomber, sbaglia un’occasione nitidissima. (Chico, sv.)

Floro Flores 6,5: Anche lui divora un goal grandissimo, ma si muove con grande classe e con ritrovata energia. Non sembra lui. (Paloschi, s.v.).

Mario Petillo