Sanremo 2011: la diretta della terza serata, Roberto Benigni e l’Inno di Mameli (seconda parte)

SANREMO 2011, LA DIRETTA DELLA TERZA SERATA. Si continua con le canzoni storiche interpretate dai big nella terza serata del Festival di Sanremo, dedicata ai 150 anni dell’ Unità d’Italia.

Dopo Emma Marrone e i Modà è il momento di Max Pezzali, accompagnato da Arisa, con il brano Mamma mia dammi cento lire. Per Roberto Vecchioni c’è O surdato ‘nnammurato e una pioggia di applausi da parte del pubblico.

Un cambio d’abiti delle due bellissime Belen e Canalis, Moschino per la prima, Cavalli per la seconda, trasforma la scena…

Sono le 22.30 e Gianni Morandi annuncia il grande evento della serata: Roberto Benigni che fa il suo ingresso da eroe: su un cavallo bianco e in mano il tricolore. E la prima battuta non poteva che andare a Berlusconi: “Ci ho pensato bene prima di entrare con un cavallo perchè è un periodo che ai cavalieri non gli va tanto bene, ma non preoccupatevi il cavallo è addomesticato benissimo, me lo ha dato la Rai“.

Ma ce n’è anche per Gianni Morandi ovviamente “Ma perchè ti fanno presentare? vuol dire che non vogliono che canti”.

Le battute di Roberto Benigni sull’Italia di oggi non potevano non cadere sulla politica e su Ruby Rubacuori… Ma dal momento in cui Roberto Benigni inizia la sua esegesi dell’ Inno di Mameli la storia d’Italia viene percorsa in pochi minuti con una maestria e una padronanza del sapere che in pochi possono vantare. Il grande Benigni ci insegna com’è nata la bandiera d’Italia recitando i versi di Dante, come l’Italia si è liberata dagli stranieri, chi erano i balilla e tanto altro ancora, semplicemente, come un racconto, una storia da raccontare velocemente non solo con le parole ma anche con una gestualità che si rende indispensabile nello stile di Benigni.

E, alla fine, Benigni augura tanta felicità a tutti, “E se la felicità si dimentica di voi, voi non vi dimenticate della felicità… la felicità è nelle piccole cose perché se è cara non è di qualità…” E prima di lasciare il palco dell’Ariston davanti ad un pubblico in piedi che non smette di applaudire, Roberto Benigni canta a cappella l’Inno di Mameli, intonando l’emozione e la commozione che solo un italiano fiero può provare…

Caterina Cariello