Steve Jobs ha cenato con Obama. Nessuna dichiarazione sulla sua salute

Steve Jobs e Barack Obama si sono incontrati, hanno cenato allo stesso tavolo.

L’occasione tanto attesa si è presentata con un incontro organizzato a casa a casa del capitalista di ventura John Doerr, nel sobborgo di Woodside, vicino a San Francisco. La zona non distante da quella dove risiedono i centri informatici di Palo Alto e Cupertino dove hanno sede Apple, Google e molti altre importanti aziende del settore.

Tema dell’incontro informale, a cui non ha avuto accesso la stampa, è stato il futuro della tecnologia, specialmente in campo comunicativo. Le indiscrezioni della vigilia parlavano della presenza anche di Mark Zuckerberg, inventore del social network Facebook, Eric Schmidt di Google, Paul Otellini di Intel e Paul Chambers di Cisco.

Ma l’appuntamento ha incuriosito, gli addetti ai lavori e non, soprattutto per capire qualcosa in più sulle condizioni di salute in cui verserebbe Steve Jobs.

Ieri la testata americana National Enquirer aveva diffuso alcune fotografie che ritraevano il padre dell’azienda della “mela bianca” visibilmente stanco, al punto che c’è stato anche chi ha stimato che l’uomo non avrebbe più di sei settimane di vita davanti a sé.

Il manager di Apple, da tempo, combatte contro una malattia – si parla di un tumore al pancreas – che a detta di chi ha visto le foto sarebbe diventata estremamente aggressiva.

Dalla Casa Bianca, però, non è stata diffusa dichiarazione in merito alle condizioni di salute di Jobs: è stata confermata soltanto la sua presenza alla cena, così come ampiamente preannunciato alla vigilia.

L’ultimo incontro tra Obama e l’imprenditore della Silicon Valley risale allo scorso ottobre quando,sempre in California, i due si incontrarono in una serata per il finanziamento elettorale del partito democratico, del quale Jobs è sostenitore così come altri suoi colleghi del settore.

S. O.