Crisi, a Gualdo Tadino riunione delegati Merloni: “Territorio sempre più in difficoltà”

Il giorno 15 febbraio si è svolta la riunione dei delegati della azienda A. Merloni presso la Camera del lavoro di Gualdo Tadino (PG), il tutto per fare una valutazione sull’andamento della vertenza e dei rapporti con il territorio e per preparare gli incontri con il Comune di Gualdo sulla predisposizione del bilancio preventivo 2011. E’ quanto si legge in una nota che porta la firma di Alessandro Piergentili, responsabile Cgil Alta Umbria.

Nella riunione, alla quale erano presenti, oltre ai delegati della Merloni, i responsabili delle diverse categorie e della Cgil ai diversi livelli, si è fatta l’analisi della situazione economica e sociale del territorio, in modo particolare per quanto riguarda la situazione di crisi che coinvolge diverse aziende e non solo la Antonio Merloni.

Nel corso dell’incontro sono state confermate le difficoltà che caratterizzano il territorio di Gualdo Tadino, dove permane una crisi che coinvolge interi settori e filiere produttive: dalla ceramica all’edilizia, dal comparto metalmeccanico ai servizi; con gravi ricadute sul piano occupazionale e drammi personali e familiari per molti lavoratori e lavoratrici.

La stessa vicenda della strada 318, Perugia-Ancona, spiega il comunicato, con i ritardi che si registrano e le ricadute sui lavoratori per quanto riguarda l’azienda che deve eseguire i lavori, rischia di dare un ulteriore colpo al territorio nell’immediato ed allontanare l’uscita dalla crisi, la quale incide anche sulla coesione sociale, la qualità della vita delle persone e sul terreno delle relazioni umane.

Per Alessandro Piergentili è necessario, quindi, un progetto forte che permetta al territorio di uscire dalla crisi, a partire dalla difesa e valorizzazione dei settori manifatturieri, dal comparto della ceramica e dell’edilizia ed a partire dalla soluzione della vertenza dell’Antonio Merloni, che, come è ormai noto, occupa circa 1.000 dipendenti.

Negli incontri che si sono svolti, in forma unitaria tra Cgil, Cisl e Uil e l’amministrazione comunale di Gualdo Tadino, si sono sviluppati confronti in merito alle politiche di bilancio per il 2011 ed alle scelte della stessa amministrazione. E’ stata, inoltre, ribadita la necessità di uno sforzo corale dei soggetti sociali, imprenditoriali, del credito, della cultura e delle istituzioni locali dello stesso territorio di Gualdo Tadino.

Aggredire, dunque, conclude la nota della Cgil, gli effetti della crisi sui lavoratori e lavoratrici, sulle imprese e su tutta la cittadinanza, e prospettare proposte ed iniziative per il Governo Regionale e Nazionale.

Mauro Sedda