Le “Opere Scelte” di Leopardi in un audiolibro de Il Narratore

La letteratura si ascolta. Già. A pensarci sembrerebbe anche una cosa tutt’altro che assurda, ma in Italia, è noto, si è sempre un po’ restii alle novità. Rispetto ai lettori di altri Paesi, come ad esempio gli Stati Uniti, dove gli audiolibri sono un’assoluta normalità da decenni, i lettori italiani infatti faticano ancora a rapportarsi con questo diverso formato di lettura. Questo atteggiamento ovviamente limita gli investimenti ed il mercato degli audiolibri, ma nonostante ciò non mancano diverse realtà che credono, a ragion veduta, nel potenziale dei libri che si ascoltano. La casa editrice Il Narratore è una di queste. Nato nel 1997 da un’idea di Maurizio Falghera, sociologo, esperte di teorie della comunicazione e narratore professionista, il progetto è giunto oggi ad un catalogo di 86 titoli su supporto CD/CDMP3 ed oltre 150 titoli in formato MP3 che possono essere scaricati.

Le opere prodotte e pubblicate da Il Narratore sono lette da attori e narratori professionisti, e si dividono in otto collane: narrativa italiana, poesia italiana, voci al femminile, letteratura straniera, letteratura per bambini e ragazzi, filosofia/scienza/religione, storia, audio documentari. I titoli sono disponibili sul sito http://www.ilnarratore.com/, ma anche su iTunes ed in moltissime librerie italiane, inoltre i download possono essere effettuati a prezzi da tascabile.

Scorrendo all’interno del vastissimo catalogo, all’interno del quale si possono scorgere le opere più importanti e più celebri della letteratura mondiale sia in prosa che in poesia, non poteva di certo mancare una pubblicazione dedicata a Giacomo Leopardi. Nelle Opere Scelte la voce di Moro Silo si cimenta nella lettura di quattro fra le più famose opere del poeta di Recanati, vale a dire L’infinito, La ginestra, Canto notturno di un pastore errante dell’Asia e Dialogo della Natura e di un Islandese. La lettura di Silo, narratore, voice-over, insegnante e lettore professionista per le organizzazioni dei privi di vista, lascia intendere chiaramente l’esperienza di chi sa come gestire i tempi non facili di un audiolibro, specie se si tratta di poesia. Il tono di voce è solido e profondo al punto giusto, ma probabilmente le scelte complessive riguardanti il ritmo e la stessa intonazione si adattano bene ad un componimento come La ginestra, dove la solennità e le vibrazioni possono sposarsi con quello che è considerato il testamento spirituale di Leopardi, realizzato quasi in punto di morte da parte dell’autore di a Silvia, ma che a tratti appaiono fuori luogo e legnose ne L’infinito e nel Canto notturno, dove la tensione è meno critica, e sono le sfumature, la fluidità ed il vagheggiamento dell’irrimediabilità ad essere protagonisti. Altro discorso per il Dialogo della Natura e di un Islandese. La lettura della prosa è scorrevole e, malgrado il testo di per sé in certe sue parti non venga incontro all’attenzione del lettore/ascoltatore, Moro Silo riesce egregiamente a riportare i sentimenti ed i toni di questo celebre testo delle Operette morali. Unico appunto sullo scambio di battute fra la Natura e l’Islandese, dove forse con la presenza di una seconda voce – magari femminile – risulterebbe più facile seguire lo scambio di battute, eliminando così l’infelice soluzione di dover enunciare chi prende la parola.

Andrea Camillo