Radio Padania, Annunziata: La Lega teme le opinioni dei propri elettori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:55

«Mi chiedo: cosa succede dentro la Lega? Perché temono le opinioni dei loro elettori?».

Sono queste le parole con cui la giornalista Lucia Annunziata, conduttrice della trasmissione In 1/2 ora, in onda su Rai3, ha commentato l’improvviso stop alla scaletta odierna.

In un primo momento si era deciso di dedicare la puntata odierna alla Lega Nord e nello specifico all’umore dei suoi elettori, che si vocifera possano sentirsi parzialmente delusi dall’arenamento delle riforme sulla cui realizzazione il partito del Carroccio ha sempre poggiato larga parte del proprio consenso.

L’intento di Lucia Annunziata era quello di tastare il polso dei sostenitori del governo Berlusconi, proprio nel momento in cui il presidente del Consiglio, e di conseguenza la politica tutta, si trova impantanato nelle sue beghe legali, su tutti il processo per prostituzione minorile e concussione legato al caso Ruby e che avrà inizio tra poche settimane.

Il modo migliore per esaminare ciò sarebbe stato il collegamento con Radio Padania e il filo diretto che l’emittente radiofonica intrattiene con i propri ascoltatori.

Progetto che è saltato, questa mattina, improvvisamente. A raccontarlo è la stessa giornalista: «Questa mattina alle 10 la trasmissione è stata cancellata. Non c’è stato alcun dissidio, il direttore di Radio Padania, Matteo Salvini, ha detto che si è pensato che non era più opportuno farne una trasmissione. Avremmo dovuto essere in collegamento con Radio Padania, per ascoltare mezz’ora in diretta le opinioni della base della Lega, cosa pensano delle celebrazioni dell’unità d’Italia, dell’emergenza immigrazione».

A dire la propria è stato anche lo stesso Salvini: «La nostra politica da quindici anni è quella di lasciare i telefoni aperti senza filtro sui temi di politica e di attualità. In questo caso, essendoci la settimana prossima alcuni passaggi delicati in Parlamento, abbiamo preferito rimandare questo telefono aperto ad altra occasione. Ringraziamo comunque Rai3 per l’attenzione che ci ha dato, sarà per un’altra volta».

Ma la giustificazione ha convinto poche persone e così dall’opposizione sono arrivate le prime critiche, come nel caso del capogruppo dell‘Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, che ha dichiarato: «Dietro la decisione di annullare il collegamento con Lucia Annunziata dagli studi di Radio Padania c’è evidentemente la paura che venga fuori tutto il malcontento di un elettorato stanco di promesse non mantenute e dell’appoggio ‘forzato’ assicurato a Berlusconi senza ricevere in cambio mai nulla».

S. O.