Roma, Ranieri si è dimesso

ROMA, RANIERI SI E’ DIMESSO – Claudio Ranieri non è più l’allenatore della Roma. L’ex tecnico di Chelsea e Valencia ha rassegnato le proprie dimissioni in seguito alla clamorosa sconfitta subita dalla Roma quest’oggi a Genova dove i giallorossi, in vantaggio per 3-0, si sono fatti raggiungere e superare dal Genoa.

L’annuncio è arrivato attraverso il sito dell’ANSA al quale Ranieri ha dichiarato:

“Al fischio finale dopo una partita vibrante, sono andato negli spogliatoi per ringraziare la squadra per la prestazione ed ho deciso di rassegnare le dimissioni – spiega Ranieri . Fino ad oggi ho sempre pensato al bene della Roma, della società e della squadra. Oggi siamo entrati in campo con la voglia di lottare e vincere, per tutti quelli che amano la maglia e la città. Ogni minuto della mia giornata è per la Roma, ho sempre detto che per me una sconfitta faceva più volte male, ma veder i miei ragazzi lottare fino alla fine e perdere mi scuote nel profondo”. Dichiara Ranieri.

“Ringrazio tutti i tifosi – continua il tecnico – e la Dottoressa Sensi, insieme, nonostante le difficoltà, abbiamo fatto un grande lavoro l’anno scorso e quest’anno – conclude il tecnico – Sono e rimango un uomo di campo e dopo una partita come quella di oggi, ritengo sia giusto dare un segnale, per amore di questi colori e spero che questa mia decisione sia utile a spronare la squadra. Lo sport e il calcio hanno dei valori che per me e per chi ci mette lavoro e passione, sono la vita”.

La reazione della società è arrivata attraverso le dichiarazioni rilasciate sempre all’ANSA da Rosella Sensi: “Prendiamo atto delle sue dichiarazioni. Questa sera non faremo nulla, ci riserviamo di decidere dopo una riunione in programma domani mattina alla quale parteciperanno oltre a me, i dirigenti e i giocatori”.

CONTESTAZIONI A FIUMICINO E TRIGORIA – Intanto a Trigoria la squadra è stata accolta da un folto numero di tifosi che hanno scagliato uova e sassi oltre a scandire cori verso il pullman dei giocatori. Anche all’Aeroporto di Fiumicino si erano radunati una cinquantina di supporters ad attendere la squadra per contestarla.

Simone Meloni