Serie A, Lecce-Juventus 2-0: Mesbah e Bertolacci piegano i bianconeri

LECCE-JUVENTUS 2-0 – Il Lecce si impone sulla Juventus per 2-0 nell’anticipo dell’ora di pranzo della 26^ giornata del campionato di Serie A. I salentini approfittano dell’espulsione in avvio di gara di Buffon e affondano una brutta Juve con un gol per tempo: Mesbah apre le marcature poco dopo la mezz’ora, Bertolacci chiude i giochi a inizio ripresa. Per i giallorossi quella di oggi è una vittoria importantissima in chiave salvezza: in attesa delle gare delle 15 la zona retrocessione dista ora 5 punti. Brutto passo indietro per gli uomini di Del Neri, che vedono allontanarsi pericolosamente il treno che porta alla zona Champions.

PRIMO TEMPO – Come previsto alla vigilia, Del Neri manda in campo gli stessi undici che domenica scorsa hanno battuto l’Inter. De Canio, squalificato, sceglie il 4-5-1, con il rientrante Di Michele unica punta.

I salentini partono forte e al 10′ avrebbero l’occasione per portarsi in vantaggio quando Mesbah, ben servito da Grossmuller, spara alto da ottima posizione. Passano 2′ e la Juve rimane in 10 uomini. Di Michele approfitta di un errore della difesa bianconera, si presenta davanti a Buffon e calcia di destro, il portiere bianconero è costretto a respingere con le mani fuori area: Mazzoleni estrae l’inevitabile cartellino rosso. Del Neri sacrifica Krasic e inserisce Storari.

Dopo l’espulsione il ritmo della gara si abbassa notevolmente. Al 24′ Di Michele ci prova in girata, ma colpisce male. Al 32′ arriva il gol del vantaggio giallorosso: splendida palla filtrante di Munari, Mesbah controlla di petto e di destro batte Storari in uscita.

Nonostante lo svantaggio la Juve non reagisce ed è ancora il Lecce ad andare due volte vicino al raddoppio. Al 38′ Grossmuller approfitta di una difettosa respinta di Barzagli e calcia a lato in diagonale. Cinque minuti più tardi è ancora Mesbah ad avere la palla buona, ma sul suo destro dal limite Storari si salva deviando in angolo.

SECONDO TEMPO – Del Neri inserisce Del Piero per uno spento Toni ma la musica non cambia. Dopo appena 3′, infatti, il Lecce trova il raddoppio: cross dalla trequarti di Vives, Di Michele fa da torre per Bertolacci che batte Storari con un tocco da due passi.

La Juve è in bambola. Al 51′ Grossmuller sfrutta un bel contropiede e si trova solo davanti a Storari: bravo il portiere a respingere in uscita disperata. Passano 5′ ed è ancora l’uruguaiano a sprecare calciando sull’esterno della rete da buona posizione. Al 63′ arriva la prima conclusione della squadra bianconera: Marchisio ci prova dai 20 metri ma calcia altissimo.

Al 69′ anche il Lecce rimane con un uomo in meno: nel giro di un minuto Vives commette due brutti falli su Del Piero e Chiellini, si becca il doppio giallo e finisce sotto la doccia. La Juve, però, non punge. E’ infatti il Lecce a sfiorare il tris con Chevanton, che non sfrutta un erroraccio di Storari e manda a lato in acrobazia. Negli ultimi minuti i bianconeri si buttano in avanti e creano qualche mischia in area pugliese, ma il risultato non cambia.

TABELLINO

LECCE – JUVENTUS 2 – 0

Lecce (4-1-4-1): Rosati; Donati, Fabiano, Ferrario, Brivio; Vives; Grossmuller, Munari, Bertolacci (46’ st Coppola), Mesbah (41’ st Rispoli); Di Michele (8’ st Chevanton).
A disposizione: Benassi, Sini, Corvia, Piatti. All. Rizzo

Juventus (4-4-2): Buffon; Sorensen (14’ st Iaquinta), Bonucci, Barzagli, Chiellini; Krasic (12’ pt Storari), Aquilani, F. Melo, Marchisio; Matri, Toni (1’ st Del Piero).
A disposizione: Grygera, Traoré, Salihamidzic, Martinez. All. Del Neri

ARBITRO: Mazzoleni

MARCATORI: 32′ pt Mesbah, 3′ st Bertolacci

AMMONITI: Mesbah (L)

ESPULSI: 12′ pt Buffon (J), 24′ st Vives (L)

Pier Francesco Caracciolo