MotoGP, cambio di look per la Yamaha campione del mondo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:23

MotoGP, cambio di look per la Yamaha campione del mondo – Il mistero è stato finalmente risolto e tutte le voci ora si sono placate. Nonostante la Yamaha sia da anni dominatrice nel massimo campionato motociclistico e Jorge Lorenzo porti il numero uno sul cupolino, nessun contratto da main sponsor è stato siglato e così si è dovuto ripiegare ai colori aziendali blu-bianco-nero. Una netta rottura col passato, un inizio di un’era ove l’amico Valentino Rossi sarà considerato come un rivale mentre alleati saranno nuovi e giovani piloti desiderosi di lottare in pista e divenire i nuovi re della MotoGP. Prima di tutti lo spagnolo, capace in soli 4 anni di scrivere il suo nome nell’albo d’onore, e poi “Texas Terror” Ben Spies, debuttante d’eccellenza nel 2010 e solida realtà nei primi test invernali.

Non ha paura la nuova Yamaha di raccogliere la sfida lanciata, forte dei suoi mezzi ed esperienza, con quel logo che ricorda i cinquant’anni di corse disseminato in ogni zona della moto e delle tute, un simbolo che dà coraggio visto che l’obbiettivo unico è quello di continuare a vincere. Lo sa perfettamente Lorenzo, ora divenuto il nuovo punto di riferimento dei rivali: ““Sono felice di esser qui, pronto per una nuova stagione con YamahaHo una grande squadra e con il lavoro fatto dagli uomini nel reparto mi sento fiducioso per poter lottare nuovamente per gli stessi traguardi e puntare a vincere ancora in MotoGP. Lo scorso anno è stato qualcosa di incredibile, ma ora si ricomincia. Il nuovo capitolo è già iniziato e la voglia di scendere in pista si fatica a nascondere.

Il timido americano Ben Spies sorride all’idea di far parte della squadra ufficiale, credendo fermamente nella competitività della moto: La moto è davvero competitiva, adesso abbiamo ancora qualche giorno di test che ci servirà in vista delle prime gara: lavoreremo per affiinare il set-up per esser pronti a tutti gli effetti. Per me è una bella sensazione esser qui insieme a Jorge. Per la Yamaha sarà un anno speciale con il 50° anniversario della presenza nel motomondiale. Sono entusiasta di far parte di questa squadra proprio in questa stagione” Un punto di arrivo che però è anche uno di partenza. Ora infatti dovrà dimostrare a tutti di essere un Top Driver, battagliando alla pari con i più forti e puntando stabilmente alle posizioni di testa.

A guardare il campionato dell’anno scorso pare essere passati decenni, ed invece sono bastati solo pochi mesi per vedere letteralmente rivoluzionato il panorama della MotoGP. La formidabile corazzata Honda, la sfida italica Ducati, la riconferma dei campioni Yamaha. Tutti spunti notevoli in grado di dare vita ad una delle più belle stagioni nella storia del motomondiale. Che lo spettacolo inizi.


Riccardo Cangini

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!