Sarah, intercettato il fratello di Misseri: Hanno buttato la bambina nella cisterna

Clamorosa intercettazione sul caso dell’omicidio di Sarah Scazzi quella appena divulgata da Tgcom soltanto pochi minuti fa.

Le indagini sul giallo di Avetrana, dove lo scorso 26 agosto venne strangolata la bionda quindicenne, oggi, sono stati caratterizzati da importanti sviluppi.

Stamane sono stati arrestati, con l’accusa di concorso in occultamento di cadavere, Cosimo Cosma e Carmine Misseri, rispettivamente nipote e fratello di Michele Misseri, lo zio della vittima che confessò di avere ammazzato la nipote per motivi non ancora ben chiari.

Fu lo stesso zio a indirizzare gli inquirenti sul luogo in cui si trovava il cadavere di Sarah, nella notte tra il 6 e il 7 ottobre. Fu la sera in cui la madre della giovane ragazza venne a sapere del ritrovamento del corpo in diretta tv, mentre era in collegamento con il programma Chi l’ha visto?, condotto da Federica Sciarelli.

Qualche ora fa era stata diffusa dalla Procura di Taranto una nota in cui si chiarivano i motivi per cui il gip aveva autorizzato l’arresto dei due parenti di Michele Misseri. Si era parlato di diverse intercettazioni ambientali, in cui emergeva che i due sapevano quanto era accaduto e cercavano di pianificare le risposte da dare agli investigatori qualora fossero stati chiamati a deporre.

Ed è proprio Carmine Misseri, il fratello di Michele, a essere intercettato mentre si trova con la moglie Lucia, mentre i due si trovano in auto. Dalla trascrizione del dialogo emerge una certa apprensione sullo sviluppo delle indagini:

CARMINE: Cosma ha aiutato zio Michele a buttare la … bambina nella cisterna… Sarah Scazzi
LUCIA: Avevo capito bene allora io… ho capito…

CARMINE: Adesso non sappiamo, non è che lo hanno trattenuto… boh…
LUCIA: Io non vengo più

CARMINE: Nemmeno io…
LUCIA: Però della telefonata ha dichiarato pure lui che ti ha chiamato a te…

CARMINE: e va be’ e lui che cazzo ne sa che mi ha chiamato scusa… sa
LUCIA: Lo hai detto tu?

CARMINE: Eh “lo hai detto tu”… che se stavano parlando quella sera…
LUCIA: Ah, cazzo come escono le cose, hai visto!

CARMINE: …quando stavamo parlando quella sera quando disse: “perché ti hanno interrogato?” E io dissi: “no, per il fatto che quello mi ha chiamato per i cavalli”, che Mimino disse…
LUCIA: E hai parlato pure dei cavalli…

CARMINE: Quando andò la prima volta lui disse “ tutti e due noi teniamo la telefonata a quell’orario”… però se ha parlato dei cavalli e loro hanno… è giusto pure quello che ho dichiarato io.
LUCIA: Quando gli piace a loro scavano … se lo ha aiutato sono cazzi amari per tuo nipote … quello si mette guai sopra guai

Nel frattempo, dalla famiglia Scazzi non è giunta alcuna dichiarazioni su queste nuove scoperte.

S. O.