Deputato del Pd: “150 mila euro e rielezione per passare con Berlusconi”

Di Pietro l’aveva definito “mercato delle vacche”. L’accusa oggi invece arriva da un esponente del Pd a cui sarebbero stati offerti soldi per passare con i Responsabili e appoggiare Berlusconi.
Gino Bucchino, 62 anni
, medico, residente in Canada ed eletto nella circoscrizione Nord e Centro America nelle liste del Pd, denuncia il tentativo di corruzione subito in conferenza stampa a Montecitorio, cui segue un sarcastico primo commento di Pier Ferdinando Casini: “Perché vi stupite? Se volete vi porto altri 20 di questi esempi“.Racconta che il giovane lo ha contattato circa tre settimane fa, proponendogli un incontro per sottoporgli un “importante progetto“.

Ci siamo visti il giorno dopo, in piazza San Silvestro. Lui è andato subito al sodo, senza perdersi in troppi giri di parole: ‘questo Paese è in difficoltà e, piaccia o meno, può andare avanti solo sotto la guida di Berlusconi. Nel gruppo dei Responsabili c’è bisogno di gente di sinistra, proprio come te, che mantengano le proprie idee e la loro impostazione politica“.

Non devi rinunciare alle tue idee. Ma tu nel Pd non hai incarichi particolari… Con noi puoi far sentire la tua voce… Poi ci sarà una distribuzione di incarichi…”. A seguire, i 150mila euro come contributo per le spese e l’assicurazione della rielezione. “E chi me lo garantisce?” avrebbe chiesto Bucchino. E l’altro: “Denis Verdini. Ne ho parlato con lui fino alle due di questa notte“.

Io ho ascoltato e non ho detto nulla. Lui allora mi ha chiesto di pensarci su e di dargli una risposta entro 24-48 ore. Di questa faccenda poi ne ho parlato con i miei collaboratori, ho messo al corrente i miei amici e alla fine ho mandato un sms a questo esponente di Rifondazione socialista, dicendogli che non ero interessato. L’ho ringraziato e la cosa è finita lì“.

Matteo Oliviero