MTV News racconta I ragazzi di Lampedusa

MTV News, in una settimana in cui i flussi migratori verso l’Europa e la situazione di Lampedusa sono due degli argomenti all’ordine del giorno, dedica uno speciale a I ragazzi di Lampedusa.

Sabato alle ore 14 e domenica alle ore 19, o online grazie allo streaming disponibile sul sito di MTV OnDemand, si potranno conoscere le storie e le testimonianze dei ragazzi che vivono sull’isola.

Marco è un venticinquenne che lavora da quando aveva solo 12 anni e alle telecamere confida il suo amore per l’isola che ha deciso di non lasciare nemmeno quando ha vinto il concorso per entrare nell’Aeronautica. Muratore, imbianchino, cameriere o cuoco: Marco non ha mai smesso di impegnarsi e intanto ha coltivato con il tempo la sua passione per la cucina.

Maria Grazia e Francesca sono due sorelle di 15 e 16 anni e frequentano il liceo scientifico. Nel tempo libero aiutano la madre nel ristorante di famiglia, mentre il fidanzato di Maria Grazia, Salvatore, fa il pescatore e a MTV spiega il significato dell’essere lampedusiani: : “siamo come gli alberi qui a Lampedusa, abbiamo radici attaccate a tutta l’isola, per questo è davvero difficile che riescano a strapparci e portarci via“.

Pierre, un parruchiere e stilista di 26 anni, è tornato a Lampedusa dopo aver lavorato a Roma, Milano e Londra per il suo forte attaccamento con l’isola.

Giuseppe ha iniziato a pescare per lavoro quando aveva 15 anni seguendo la tradizione di famiglia. Ora che di anni ne ha 40 può solo constatare che il settore sta vivendo una grande crisi e fare il pescatore non può essere una valida alternativa per i giovani: “è faticoso, il mare è meno pescoso e si guadagna poco. Nessun ragazzo di 15 anni oggi comincerebbe a fare il pescatore perché questo lavoro non ha futuro“, spiega Giuseppe.

Giacomo ha deciso invece di raccogliere e custodire le storie dell’isola per trasmetterle alle future generazioni e ai cittadini. E’ un ventinovenne che lavora in rosticceria, scrive canzoni, è sposato e ha dei bambini e sente da sempre nella sua vita un legame profondo con l’isola in cui è nato.

Le loro storie mostrano una realtà invisibile nelle notizie e nelle discussioni mediatiche, offrendo un punto di vista inedito sulla vita quotidiana a Lampedusa.

Beatrice Pagan

(foto MTV)