Irlanda, gli exit poll danno la vittoria all’opposizione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:29

La crisi ha cambiato gli equilibri politici in Irlanda. O è almeno quello che emerge dagli ultimi exit poll diffusi oggi diffusi dal network radio televisivo pubblico Rte sui risultati delle elezioni politiche che si sono svolte nella giornata di ieri. Secondo i primi dati la vittoria è andata all’opposizione del partito democristiano del Fine Gael, con il 36,1 per cento dei voti.

Pesante sconfitta, quindi per il Fianna Fail, lo storico partito irlandese attualmente al potere.  E il risultato -se confermato- mette paura: dalla maggioranza relativa, infatti, il partito precipita in un 15 per cento, il peggior risultato di sempre. Dopo il Fine Gael si piazzano i Laburisti con il 20 per cento dei voti, mentre quarto è lo Sinn Fein, forza leader in Ulster, con il 10 per cento dei consensi.

Il nuovo quadro politico che sembra emergere dalle ultime elezioni vede quindi un nuovo governo di coalizione formato dalla forza vincente e dai laburisti.  Nel nuovo Parlamento molti seggi saranno occupati dai candidati indipendenti che nell’insieme hanno raccolto ben il 15 per cento dei voti. Quest’anno, infatti, i candidati indipendenti in lizza per un seggio erano circa il doppio rispetto alle passate elezioni.

Priorità del nuovo governo potrebbe essere quello di rinegoziare il piano anti-crisi stipulato dal governo a novembre con il Fondo monetario e l’Unione Europea. E se per questo e per tutto il resto, in ogni caso si dovranno attendere i risultati ufficiali, in Irlanda le intenzioni di voto sono generalmente fedeli alla realtà.

Annastella Palasciano

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!