Juventus-Bologna 0-2: Del Neri parla di annata no, Malesani elogia i suoi

DICHIARAZIONI JUVENTUS-BOLOGNA 0-2. La Juventus ha perso per 2 a 0 la gara giocata ieri sera contro il Bologna, ed ha consegnato alla squadra felsinea una vittoria inaspettata alla vigilia e che all’ombra delle due torri aspettavano da 30 anni. Il mattatore della serata è stato come sempre Di Vaio, che al 48′ ed al 66′ ha segnato le due reti che hanno deciso il match.

I commenti dei due tecnici a fine gara sono stati i seguenti.

Nella Juventus ha parlato Del Neri, che ai cronisti ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “Una prestazione difficile da inquadrare. Dispiace, questa sarà una annata di grandi tensioni e sofferenza se va avanti così. Il problema è che tutti noi dobbiamo aiutarci di più ed essere più squadra. La continuità non è nel nostro Dna, forse non abbiamo quella serenità che qualche volta aiuta a buttarla dentro. Questo è un campionato molto complicato per la squadra e dispiace per i tifosi che meritano qualche cosa di diverso, ma probabilmente questa sarà una annata in cui tutti noi dovremo soffrire. Ogni volta che pensiamo che qualcosa ci va storta perdiamo l’attenzione. Mi sembra impossibile che una squadra come la nostra possa passare da una partita di tale intensità e grinta come quella con l’Inter a una prova come quella di Lecce o alla prestazione di oggi. Dobbiamo migliorare, ritrovare autostima, altrimenti dobbiamo renderci conto che sarà un campionato difficile”.

Nel Bologna invece ha preso la parola Malesani, che ai giornalisti ha confidato questi suoi pensieri sul match: “Quando siamo in giornata così, facciamo paura. Posso contare su una squadra di grandi uomini, con tanta qualità. Senza quella, dove volete che vada un allenatore. Di Vaio? Ha grande qualità, l’allenatore incide poco, magari ho trovato le posizioni giuste dove sfruttare Marco. Ho strutturato un sistema di gioco che si addice a lui e a tutta la squadra. Come ha visto la Juve? Tutti la criticano per il mercato, per me ha fatto grandi acquisti. Ho visto una squadra fisicamente straripante, purtroppo hanno un blocco mentale, ma a me sembra forte quanto il Milan. Se si sbloccano sono una squadra veramente forte“.

Simone Lo Iacono