Isola dei Famosi 8: Luca Derisio eliminato, si salva Kilian Nielsen

ISOLA DEI FAMOSI 8. La terza puntata della diretta dell’ Isola dei Famosi, andata in onda ieri sera, 2 marzo 2011, ha visto l’eliminazione di Luca Derisio, in nomination con Kilian Nielsen che si è salvato. Torna a casa, dunque il cantante della squadra dei Famosi che, in nomination anche nella seconda diretta, la ebbe vinta con Francesca De Andrè.

Luca Derisio non è stato molto apprezzato evidentemente per i suoi modi nient’affatto galanti e il suo esprimersi con un linguaggio spesso e volentieri forte e colorito.

Un personaggio, quello di Luca che si contrappone pesantemente con quello di Kilian Nielsen, figlio di Brigitte Nielsen che ieri sera era in studio con Simona Ventura.

Kilian Nielsen sta dimostrando di essere un ragazzo molto maturo e sensibile, innamoratissimo della sua fidanzata, con la quale convive, e comprensivo sebbene critico nei confronti della mamma.

Riguardo alla scostumatezza di Luca Dirisio, ieri sera, prima dell’eliminazione, fu mandato in onda un video che mostrava chiaramente il personaggio: insulti e pernacchie per Nina Moric e Eleonora Brigiadori che ovviamente non hanno gradito e soprattutto quest’ultima si appella al buon gusto degli spettatori «Io mi appello al codice comportamentale. Gli insulti per me esulano dal gioco. Abbiamo firmato un accordo per la fascia protetta. Questo turpiloquio costante di cui voi vedete una parte. Secondo me è il pubblico che deve capire che tipo di televisione vuole. Se vuole continuare a sentire questo urlare, questo esporsi a fare i gradassi». E la Brigliadori l’ha avuta vinta: Luca non piace nemmeno ai telespettatori che dopo aver mandato via Francesca De Andrè scelgono Derisio fuori dall’Isola.

La Simona concorda con la Brigliadori ma ci tiene a precisare: «Posto il fatto che hai ragione e il turpiloquio contro le donne è assolutamente da condannare, sappi che l’Isola non va in fascia protetta e comunque ci sono dei bip e tutte le protezioni possibili e immaginabili per questo tipo di cose». Come se sotto i bip ci potesse essere altro oltre le parolacce…

Caterina Cariello