Roma, Montella: “A Lecce per fare la partita”. Pizarro ancora in forse

ROMA, MONTELLA IN SALA STAMPA – Si è da poco conclusa la conferenza stampa di Vincenzo Montella. Il tecnico della Roma ha parlato alla vigilia della sfida di domani che vedrà i capitolini opposti al Lecce di De Canio.

Non è ancora chiaro se Pizarro potrà scendere regolarmente in campo. Tuttavia l’ex attaccante non vede in Greco un sostituto adeguato: “Pizarro si è allenato poco, non è detto che domani gioco. Greco lo vedo diverso come caratteristiche generali. Una squadra come la Roma non può prescidere da un giocatore”.

Vero tallone d’Achille di questa squadra, oltre alla preparazione atletica pressoche nulla, si è dimostrata la fragilità emotiva negli ultimi 20 minuti della partita. La Roma è stata rimontata in più di un’occasione in quel lasso di tempo. Forse occorrerebbe operare dei cambi?Sono giocatori importanti – dichiara Montella – quelli subentrati domenica e contro il Bologna, tecnicamente e mentalmente mi aspetto qualcosa in più dai cambi. Le partite si vincono soprattutto negli ultimi 15 minuti. A volte non si entra in partita non per mancanza di voglia, ci può stare una volta….due comincio a fare una valutazione”.

Montella non vuole che la scarsa preparazione atletica diventi un alibi per giustificare errori e cali di concentrazione:Io devo valutare la squadra quando sono arrivato io. Non voglio che diventi un alibi il discorso della scarsa preparazione sia fisica che mentale. Le mie risorse e le mie conoscenze le devo mettere in campo per risolvere una situazione per come la fotografo io”.

Obbligatoria ovviamente una domanda su Mexes e le voci che danno per certo il suo passaggio al Milan. Montella non pensa che questo potrà influire sulle prestazioni del francese: “Quando si va in campo si va per dare il massimo. Non so se ha firmato o meno, io lo valuto per quello che fa in campo. Soprattutto quando sa di lasciare una squadra vuole lasciare un bel ricordo. Mexes è stato sempre attaccato alla maglia, lo ha dimostrato”.

E Adriano?Ha un infortunio, deve recuperare. Noi siamo qui che lo valuteremo senza farci condizionare dal suo passato”.

Affrontare il Lecce, che ha fermato diverse big tra le mura amiche, non è certo il massimo in questo periodo: “E’ un’ottima squadra, molto organizzata. E’ una squadra che va studiata ma anche battibile, la Roma ha giocatori di un certo tipo, dobbiamo preoccuparci di far bene le due fasi. A Lecce per fare la partita”.

In un momento così difficile sarebbe forse saggio affidarsi alla vecchia guardia: “No, mi affido ai giocatori che penso possano essere più affidabili. C’è bisogno di quelli, a prescindere dall’età. C’è bisogno di certezze: intendo anche il livello generale di giocatori”.

Simone Meloni