Serie A, Inter-Genoa 5-2: i nerazzurri a segno cinque volte nella ripresa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:48


INTER-GENOA 5-2.

Cinque gol, come i punti che separano l’Inter dal Milan. I nerazzurri rispondono subito alla vittoria dei cugini all’Olimpico di Torino e mantengono intatto il distacco dalla vetta. Dopo un brutto primo tempo, giocato sotto ritmo e chiuso in svantaggio per la rete firmata da Palacio al 40′, gli uomini di Leonardo cambiano marcia nella ripresa. E ribaltano subito la situazione tra il 5′ e il 6′ grazie a Pazzini ed Eto’o. Ancora il camerunense va in gol al 14′ firmando una doppietta anche oggi. Poi Pandev e Nagatomo (al primo gol in Italia) completano la cinquina. Serve solo per le statistiche la rete di Boselli al 90′, anch’egli alla prima marcatura in Serie A.

PRIMO TEMPO – Nell’Inter Ranocchia, che era in dubbio alla vigilia, gioca titolare; a centrocampo Stankovic vince il ballottaggio con Kharja. Nel Genoa coppia d’attacco composta da Palacio e Paloschi.
Gara giocata a ritmo basso e con poche emozioni nelle prime battute. Il primo guizzo arriva al 20′ con Eto’o che si accentra e prova un destro rasoterra, Eduardo ben posizionato blocca sul suo palo. Al 26′ grande occasione per l’Inter: ancora Eto’o, che parte da sinistra, fa fuori due avversari e mette in mezzo per Pazzini, il camerunense dà però troppa forza al pallone e il Pazzo, appostato a due passi dalla porta, non ci arriva per pochissimo. L’Inter è solo Eto’o: il camerunense si accentra ancora una volta da sinistra e prova la conlusione dal limite, Eduardo non si fa sorprendere nemmeno stavolta. Al 38′ arriva la prima vera occasione per il Genoa: diagonale di Konko che diventa un assist per Paloschi, l’ex milanista da posizione angolata colpisce l’esterno della rete. E’ la prova generale per il gol dei rossoblù che arriva due minuti più tardi: Konko lancia Palacio, che si invola sulla destra e trafigge Julio Cesar con un diagonale chirurgico. Il Genoa va al riposo, a sorpresa, in vantaggio.

SECONDO TEMPO – Leonardo cambia: dentro Pandev al posto di uno spento Stankovic; si passa dal 4-3-1-2 al 4-2-3-1. La scelta di Leo è subito ripagata: al 4′ punizione di Sneijder, Eduardo si allunga e mette in angolo. Passa un minuto e l’Inter pareggia: Eto’o, vero regista d’attacco, serve Maicon sulla destra, cross basso del brasiliano per Pazzini che, da pochi passi, mette sotto la traversa.
Sessanta secondi più tardi, i nerazzurri passano già in vantaggio: Pandev prova la botta dal limite con il sinistro, Eduardo non trattiene, si getta sulla sfera Eto’o che anticipa quel poco che basta per battere l’estremo difensore portoghese.
Al 13′ Eto’o firma la sua doppietta personale: ruba palla a un ingenuo Mesto, poi salta Kaladze e batte ancora una volta Eduardo calciando di punta; impressionante la velocità di esecuzione dell’attaccante interista, da fuoriclasse autentico.
Al 18′ si rivede il Genoa: crossa da destra di Mesto, un attento Julio Cesar esce in tuffo e anticipa Kaladze. Ancora Mesto ci prova dalla distanza al 21′: il suo diagonale esce fuori di poco.
Al 26′ arriva il 4-1: azione che parte anche stavolta dai piedi di Eto’o, abile a servire in verticale Sneijder, l’olandese potrebbe calciare ma preferisce servire in mezzo Pandev che da lì non può sbagliare.
Leo cambia ancora: dentro Kharja e Nagatomo, fuori Pazzini e Ranocchia. E sono proprio i neo entrati i protagonisti del quinto gol nerazzurro: il franco-marocchino serve in area il giapponese, bravo a liberarsi della marcatura di un avversario e a trafiggere Eduardo sotto la traversa.
Nel finale c’è gloria anche per Boselli, al primo gol in Serie A: Palacio va via sulla destra, cross e il giocatore rossoblù, tutto solo, va di testa e mette dentro per il definitivo 5-2.

IL TABELLINO

INTER-GENOA 5-2

MARCATORI: 40′ Palacio (G), 50′ Pazzini (I), 51′ e 67′ Eto’o (I), 71′ Pandev (I), 84′ Nagatomo (I), 90′ Boselli (G)

INTER (4-3-1-2): Julio Cesar, Maicon, Lucio, Ranocchia (78′ Nagatomo), Chivu; Zanetti, Thiago Motta, Stankovic (46′ Pandev); Sneijder; Pazzini (75′ Kharja), Eto’o.
A disposizione: Castellazzi, Materazzi, Mariga, Coutinho.
Allenatore: Leonardo

GENOA (4-4-2): Eduardo, Mesto, Dainelli, Kaladze (83′ Chico), Moretti; Rafinha, Kucka, Konko (74′ Antonelli), Rossi; Paloschi (74′ Boselli), Palacio.
A disposizione: Scarpi, Polenta, Milanetto, Jankovic.
Allenatore: Ballardini

ARBITRO: Russo di Nola

AMMONITI: Kaladze (G)

ESPULSI: nessuno

Miro Santoro

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!