Udinese-Bari: diretta streaming online live, Guidolin insegue Spalletti

DIRETTA STREAMING UDINESE-BARI    L’Udinese ospita il Bari, in una partita che sulla carta non dovrebbe riservare grandi sorprese. Nel calcio però, si sa, ciò che conta è il verdetto del campo e il Bari, al cospetto di un’Udinese che vive uno straordinario momento di forma, non intende stare a guardare passivamente. I precedenti non sono certo favorevoli ai pugliesi: l’ultima vittoria dei galletti al Friuli risale alla stagione 95/96, quando una doppietta di Kennet Andersson rese vano l’iniziale vantaggio siglato da Bia; questa è anche, ad oggi, l’unica vittoria con più di una rete dei baresi in casa dei bianconeri.

Il Bari ha ben in mente quali siano i punti di forza dell’avversario: in primis un attacco che non garantisce punti di riferimento e che mira ad aprire spazi buoni per inserimenti e verticalizzazioni; da non sottovalutare però l’apporto di un centrocampo che può contare su protagonisti di tutto rispetto, bravi a supportare la manovra offensiva quanto quella di non possesso. Mutti adotterà le dovute contromisure e la decisione di schierare un 4-3-3 va letta in questo senso: il tridente offensivo è in realtà una soluzione che permette l’arretramento di Ghezzal e Huseklepp a sostegno del centrocampo, con l’obbiettivo di chiudere ogni spazio di manovra.

L’Udinese vola: vola con l’entusiasmo e la leggerezza di una provinciale che sta raccogliendo i frutti dell’ottimo lavoro svolto da una società di professionisti seri e capaci; vola anche coi ricordi, molto recenti in verità, della fantastica stagione 2004/05, quando con Spalletti la squadra raggiunse la qualificazione alla Champions League. In quell’Udinese, Di Natale era già un giocatore fondamentale e il cuore lo ha fatto rimanere dove si sente a casa. Guidolin ha l’opportunità di riportare un sogno ad Udine, di riportare il grande calcio al Friuli ma, paradossalmente, perchè i sogni si concretizzino, è necessario che i piedi siano ben saldi a terra. A cominciare proprio dalla sfida col Bari, che può diventare un lungo passo verso la gloria, ma può anche allontanarla come non mai: insomma, per ascoltare nuovamente l’inno della Champions League serve ancora molto sacrificio.

Alberto Ducci