F1, ultimi test prima di Melbourne

F1, ultimi test prima di Melbourne – La settimana che inizia sarà davvero importante per il circus della Formula uno. Nonostante la gara del Bahrain (prevista per domenica 13) sia stata cancellata, tutti i team iscritti al mondiale hanno continuato lo sviluppo delle nuove monoposto ad un ritmo frenetico, ricercando costantemente la prestazione e perfezione sia meccanica che aerodinamica. Un processo lungo ed impegnativo, che molto probabilmente terminerà con l’inizio dei test finali a Barcellona dall’8 al 12 marzo.

E’ risaputo infatti che gli ultimi giorni di prove sono usati dalle squadre per appurare il reale livello di competitività delle vetture, cercano anche la prestazione oltre ai soliti giri di studio e raccolta dati. Un primo confronto diretto, minuscolo antipasto di quella che sarò la stagione 2011. Ed è per questo motivo che già alla vigilia vi sono obbiettivi da raggiungere e promesse da rispettare. Partiamo dai due team a detta di tutti più forti e preparati: Red Bull e Ferrari. I campioni del mondo sono ancora quelli da battere, visto che per il secondo anno consecutivo possiedono un progetto tanto veloce quanto geniale. Merito dell’intuito di Adrian Newey, schioccando il mondo intero le sue immense capacità. Ferrari però non demorde, e se in termini di affidabilità non vi sono problemi, bisogna a tutti i costi mostrare più velocità sui giri singoli e anche nelle simulazione gara. Aver il miglior tempo finale anche per questi test può essere un deciso segnale premonitore in vista dell’appuntamento in Australia.

Mclaren e Mercedes invece sono costrette a guardare da lontano. Entrambe le loro monoposto non riescono a tenere il ritmo dei migliori e, se non si vorrà sancire negativamente questo 2011, occorrerà invertire la rotta già da martedì, evitando che il mondiale diventi solo una faccenda a due. Per quelli invece che devono confermare quanto di buono visto sino ad ora vi sono la Lotus-Renault, sempre al Top nonostante l’infortunio di Kubica, la Williams sorridente della sua inedita Fw33 e anche la Toro Rosso, a detta di tutti sorprendentemente competitiva e curata. Infine si dovranno finalmente avere notizie da parte della Hispania Racing Team, struttura non ancora in grado di mettere in pista una nuova macchina e priva di un nome per il secondo pilota. A così pochi giorni dall’inizio della stagione è obbligatorio trovare una soluzione. Vedremo quindi quali novità ci riserverà questa ultima sessione, sperando vivamente che i giochi non siano per nulla decisi.

 

Riccardo Cangini