Home Anticipazioni

Riforma della giustizia: la stretta del governo. Magistrati pronti allo sciopero

CONDIVIDI

Il giorno decisivo sarà Giovedì, quando l’epocale riforma della Giustizia approderà in Consiglio dei Ministri. Ma già in queste ore sembra prendere corpo l’altrettanto epocale risposta che i giudici stanno preparando al Ministro Alfano. L’Anm è in allarme soprattutto per una notizia non ufficiale rivelata oggi da Repubblica. Sembrerebbe infatti che il Governo sia intenzionato a presentare una norma transitoria che farebbe entrare in vigore da subito alcune parti della riforma, a partire dal ridimensionamento del Csm e l’autonomia della Polizia giudiziaria.

La prima reazione ufficiale è quella del Procuratore di Milano Armando Spataro, intervistato da Rainews24: “Nessuna delle riforme annunciate serve a far funzionare la giustizia e per rispondere agli interessi dei cittadini.” A rincarare la dose è il leader dell’Idv Antonio Di Pietro: “La riforma della giustizia proposta da Berlusconi è in realtà un’enorme ingiustizia: premia i delinquenti e mortifica le vittime”.

Gli argomenti di scontro restano quelli minacciati dal Governo: separazione della carriere tra giudice e Pm, potenziamento dei poteri del Ministro della Giustizia, il quale potrà promuovere azioni disciplinari contro i magistrati, riduzione dei poteri del Csm che subirà uno sdoppiamento.

Il commento più duro arriva dal procuratore di Trani Francesco Messina: “Se dovesse passare la devastazione della giustizia che si legge sui giornali, non saranno pochi coloro che penseranno seriamente di cambiare lavoro. Ritengo che nessuno di noi abbia studiato e agito, mirando al modello di magistrato che si vorrebbe imporre.” Per questo è necessaria una mobilitazione immediata da parte della magistratura, “una risposta in tempi rapidi – riprende Spataro – che non consista nell’ennesimo, per quanto ottimo e condivisibile, comunicato stampa.” Si pensa quindi ad uno sciopero generale. Ma sebbene sia questa la parola d’ordine che inizia a circolare fra i palazzi di Giustizia, la decisione è delicata e sembra destare non poche preoccupazioni all’interno del Csm, dove si vocifera: “Facciamo uno sciopero, bene. E poi? Ne facciamo uno ad ogni passaggio parlamentare?” Soprattutto perché il cammino della riforma non si presenta per nulla facile: una proposta di legge che arriverà alle Camere come “un cavallo di razza” per poi uscirne come “un ippopotamo”, ripete da giorni lo stesso Silvio Berlusconi, il quale ha riaperto i giochi sulla Giustizia proprio quando sono ripartiti i suoi processi. Una situazione che porterà il centro destra ad essere determinato sui tempi di approvazione. Fini, e Napolitano permettendo.

 

Cristiano Marti

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram