Niente stage per studentessa musulmana perché porta il velo

Rimini – Un albergo nega stage a una studentessa musulmana, al terzo anno della scuola superiore. Il motivo di tutto ciò è il velo che la giovane ragazza indossa, se pur questo copre solo la testa e lascia ben visibile il volto. La studentessa, però, senza lo stage rischia di non poter sostenere gli esami e questo solo perché il suo modo di vestire non è considerato consono dalla politica aziendale dell’hotel in questione. Ora si spera che un altro albergo accolga la ragazza, permettendole di proseguire senza intoppi la sua formazione.

Come i suoi compagni, anche lei avrebbe dovuto svolgere uno stage di tre settimane in un hotel. Al terzo anno dell’Istituto Alberghiero di Rimini, è una studentessa brava e preparata, che avrebbe dovuto lavorare alla reception di un albergo a quattro stelle della città. Sui banchi di scuola ha imparato come ricevere la clientela, rispondere a ogni richiesta, risolvere al telefono cambi di prenotazione e quant’altro. Ma questo non è bastato. L’hotel, dove la ragazza avrebbe dovuto svolgere lo stage, ha deciso di non accettarla perché indossa il velo, prescritto dalla sua religione. Secondo la politica aziendale dell’albergo, infatti, l’abbigliamento della giovane studentessa non è idoneo per il lavoro che avrebbe dovuto ricoprire e, quindi, per avere contatti con la clientela.

Si tratta di una vicenda che lascia allibiti. La studentessa musulmana, senza lo stage, rischia di non poter svolgere gli esami e tutto questo solo per colpa di un velo, che, addirittura, non la copre integralmente, anzi. Le copre solo la testa, lasciando ben visibile il volto.

Ora l’Istituto Alberghiero spera che a Rimini si faccia avanti un altro albergo che accolga la studentessa che, spiegano i professori, è brava e preparata.

(Fonte: Corriere.it)

Simona Leo