Emergenza immigrati: 55 individuati e soccorsi durante la notte

Un barcone in seria difficoltà è stato soccorso questa notte nelle acque del Canale di Sicilia e guidato fino a Lampedusa. A bordo del natante si trovavano 55 persone.

I migranti sono stati individuati a 57 miglia dall’isola dall’aereo ATR ‘Grifo 15’ della Guardia di Finanza. Dopo l’avvistamento della barca, una motovedetta dei finanzieri è partita dal porto di Lampedusa e gli si è fatta incontro. Il natante, in condizioni a dir poco precarie ed eccessivamente carico di persone, rischiava di affondare. Non c’era tempo da perdere. Attorno alla mezzanotte gli uomini delle Fiamme Gialle, con la collaborazione della nave ‘Lavinia’ della Marina Militare e della Motovedetta 305 della Capitaneria di porto, hanno quindi provveduto a imbarcarne tutti i passeggeri, che sono stati poi condotti al centro di accoglienza.

Al momento non si segnalano altri arrivi. Si suppone che il forte vento, che potrebbe arrivare a forza 5 nel corso della mattinata, potrebbe scoraggiare nuove partenze dalle coste africane.

Il prefetto di Palermo, Giuseppe Caruso, è soddisfatto del modo in cui l’emergenza viene gestita. “Sono convinto che, anche a fronte di altre migliaia di persone che dovessero arrivare, saremo in grado di affrontare la situazione. Poi, in base alla consistenza numerica, ci attrezzeremo”, ha affermato il prefetto.

Gianluca Bartalucci