Yara, Scientifica: il dna di un estraneo sul cadavere

Importante novità nelle indagini sull’omicidio di Yara Gambirasio, la tredicenne trovata morta lo scorso 26 febbraio in un campo abbandonato a Chignolo d’Isola, ma scomparsa esattamente tre mesi prima da Brembate di Sopra, dopo essere uscita dalla palestra nel tardo pomeriggio.

Le analisi effettuate sul cadavere della ragazzina hanno dato i primi risultati: sul corpo di Yara sarebbe presente il dna di un estraneo. Con questa definizione gli inquirenti fanno riferimento a qualcuno non appartenente al nucleo familiare della vittima, né al gruppo di amici con cui quest’ultima entrava generalmente in contatto.

Ciò farebbe propendere gli investigatori a ipotizzare che quella traccia sia ricollegabile all’identità dell’omicida o comunque di qualcuno che ha partecipato all’aggressione nei confronti di Yara.

In questo momento non è ancora dato sapere se quello ritrovato corrisponda al codice genetico di una tra le decine di persone a cui è stato prelevato il dna negli ultimi giorni.

Nell’attesa che vengano resi noti gli altri risultati proveniente dagli esami autoptici e anatomopatologici, a Brembate ci si chiede chi mai possa essere quest’uomo. Ricordiamo che nelle ultime ore si era paventata la possibilità che a ferire ripetutamente Yara potesse essere stata una mano femminile, ipotesi nata dalla constatazione i fendenti inferti sulla ragazzina non sono profondi.

Quindi: un uomo con poca forza o incapace di utilizzare l’arma con l’adeguata forza, la collaborazione nell’aggressione sia di un uomo che di una donna oppure dietro quelle coltellate non c’è mai stata l’intenzione di uccidere la giovane, ma solo quella di eseguire un gesto simbolico, qualcosa che abbia significato al di là dell’utilità pragmatica del gesto?

In quest’ultimo caso si potrebbe riaprire la pista che porta il delitto a essere inquadrato all’interno di un rituale esoterico, nonostante questa ipotesi sembra essere stata scartata, almeno ufficialmente, da chi è deputato a occuparsi delle indagini.

S. O.