F1, sorpresa Sauber nei test. Massa precede Webber

F1, sorpresa Sauber nei test – Continua a ritmo spedito l’ultimo test a Barcellona per la F1 prima dell’appuntamento mondiale in Australia. Dopo il piccolo tremore scatenato ieri dal tempo di Vettel, questa volta a sorprendere tutti è stato il debuttante Sergio Perez, che prendendo in contropiede tutti quanti ha condotta la sua Sauber in cima alla lista dei tempi, grazie ad un 1’21″761, il crono più basso sinora registrato sul circuito spagnolo. Un vero colpo di scena che crea nuovi interrogativi sia sulla bontà della vettura svizzera sia sulla prestazione del campioni del mondo in carica. Sicuramente la Sauber possiede una vettura ben sviluppata, ma l’impressione è che il tempo sia stato ottenuto grazie ad assetto da qualifica e pochissima benzina a bordo. Cosa invece mai fatta da nessun’altro, sia perchè il lavoro da completare è ancora tanto sia perchè non si vogliono scoprire tutte le carte.

Inutile nascondere però che tale prestazione regala sorrisi all’interno del box di Peter Sauber, dopo un 2010 tutt’altro che semplice. Soddisfazione anche in casa Ferrari, visto che le nuove parti della 150° Italia hanno portato gli effetti sperati. Ora la vettura si presenta più equilibrata e veloce sia sulla lunga distanza sia sul giro singolo, con tanto di  secondo tempo di Felipe Massa a confermare tutto ciò. Una prestazione resa ancora più importante dall’aver preceduto Webber, terzo e velocissimo per tutta la giornata, anche se leggermente indietro se paragonato con la prestazione del brasiliano. Forse la Ferrari è davvero in grado di tenere testa al team austriaco e al genio di Newey. Assente la Mclaren per questa giornata, troviamo in quarta posizione Barrichello, non completamente soddisfatto causa le solite noie meccaniche della sua Williams.

Subito dietro ecco Michael Schumacher, tornato al volante della Mercedes e impegnato in un serrato programma di sviluppo per recuperare il gap prestazionale con i migliori. C’è ancora tanto lavoro da fare, ma già qualche leggero miglioramento vi è stato grazie alla nuova posizione degli scarichi, ora nelle fiancate invece che nella parte finale del retrotreno. Promettente il settimo tempo di Kovalainen in grado di piazzarsi tra le due Lotus-Renault di Heidfeld e Petrov, mentre fatica ancora la Force India. Domani penultimo giorno di prove, con l’arrivo di Alonso che cercherò sicuramente di piazzarsi davanti a tutti. Lo scenario è destinato a cambiare.

Riccardo Cangini