Terremoto Giappone: scosse e tsunami alle Hawaii

Honolulu, 11 marzo. Lo tsunami si è abbattuto anche sulle Hawaii e sulle isole Marianne per effetto del terremoto che oggi ha colpito il Giappone. Onde di 2-3 metri di altezza hanno colpito le coste settentrionali dell’isola maggiore. Nello stesso momento sono state registrate brevi scosse di terremoto di magnitudo 4.5 della scala Richter.

L’allerta tsunami, lanciato sulle isole americane nell’immediato del sisma nella regione nipponica, ha fatto in modo che le coste fossero già state evacuate all’arrivo dello tsunami. Le onde anomale, attese per le ore 14.30 italiane (le 21.30 locali), sono arrivate con un’ora di ritardo. Alte circa 2-3 metri, si sono abbattute sulle coste statunitensi, tuttavia senza provocare ingenti danni. Secondo quanto riferisce l’osservatorio del Pacific Tsunami Warning Center, la prima isola a essere invasa dall’acqua è stata Kauai, ma rapidamente l’onda anomala si è estesa alle altre isole. L’acqua ha colpito Honolulu, inondando la spiaggia di Waikiki e travolgendo località di fama mondiale, ma fermandosi a pochi metri da prestigiosi hotel della zona.

“Le correnti elevate che muovono l’acqua – ha spiegato Chip McCreery, direttore per il Pacific Tsunami Warning Center – possono trascinare massi dal fondo del mare, possono raccogliere automobili lungo il loro corso. In questo modo, tutte le cose si trasformeranno in veri e propri arieti, amplificando la portata e la distruzione dello tsunami”.

Quasi in contemporanea, inoltre, l’arcipelago delle Hawaii è stato colpito da uno sciame sismico, probabilmente una derivazione di questo che ha scosso il Giappone. La scala Richter ha fatto segnare una magnitudo di 4.5, esattamente la metà della potenza che si è scatenata sulla regione nipponica.  Al momento non si hanno notizie di danni e ferite, tuttavia il fatto che attualmente sia scesa la notte non facilita la situazione.

Sono stati chiusi i tre principali aeroporti, mentre la Marina americana ha ordinato alle navi militari di sostare nel porto di Pearl Harbor, nella capitale Honolulu, affinché possano intervenire immediatamente in caso di necessità.

Emanuele Ballacci