Processo Mez: fan di Amanda Knox avvicina i familiari, bloccato

Ha tentato di avvicinarsi ai familiari di Amanda Knox con l’ intenzione di consegnar loro un fotomontaggio della figlia, in carcere per l’ omicidio di Meredith Kercher. È successo nel pomeriggio di ieri, quando un trentunenne, fan della studentessa americana, ha fatto di tutto pur di consegnare alla famiglia della sua beniamina il fotomontaggio, che ritrarrebbe l’ angelica Amanda affianco a papa Giovanni Paolo II.

Il giovane, di Avellino, ha pensato di approfittare dell’udienza di ieri relativa all’ omicidio della studentessa inglese Kercher e, durante la pausa, proprio davanti alla Corte d’assise d’appello di Perugia, il trentunenne ha tentato di consegnare questo fotomontaggio. L’ uomo, però, non è riuscito nel suo intento, perché è stato subitaneamente bloccato dal personale di vigilanza e invitato a uscire dal palazzo di Giustizia. È quindi intervenuta la polizia, che ha effettuato degli accertamenti su di lui.

Prima che il fan di Amanda Knox venisse portato via dalla polizia, ha spiegato come ha realizzato il fotomontaggio e i motivi che l’ hanno spinto a farlo. L’ idea è stata sua, ma praticamente il fotomontaggio è stato realizzato da un suo amico fotografo; l’ uomo ha poi spiegato: “l’ho voluto fare per dimostrare ad Amanda che io sono vicino a lei. Il papa perdona tutti quanti”.

In più, il giovane di Avellino ha raccontato il viaggio che ha affrontato pur di riuscire nel suo intento della consegna dell’ immagine: ha spiegato di essere partito in treno dal suo paese di origine e di aver raggiunto Perugia; poi, dopo aver dormito in albergo, ha raggiunto il palazzo di Giustizia. Pare, inoltre, che il fotomontaggio non sia l’ unica cosa che ha realizzato per Amanda: difatti, ha montato anche un video con una maglietta ispirata al video “What is love” dei Beatles, il gruppo preferito dalla studentessa.

A. L.