Sara Giudice: l’anti Minetti guidata dal sessuologo Pasini


Colei che è stata prontamente definita l’anti Minetti, Sara Giudice, presenta la sua lista civica per le prossime amministrative.

Milano Merita sarà capeggiata dalla consigliera di zona 6 del Pdl, ora fuoriuscita. La Giudice si definisce anche bandita, o più prorpiamente, cacciata per le sue prese di posizione contro il metodo Minetti e i bunga-bunga.

All’interno del Pdl, infatti, la consigliera ha sempre criticato le ultime di Silvio Berlusconi, compreso l’operato dell’ex igienista dentale, finita al centro del Rubygate.

Critiche mosse anche al sindaco di Milano, Letizia Moratti: “Mi è stato chiesto di fare da capolista alla lista civica dei giovani di Letizia Moratti mi sono interrogata su quali valori esprimesse e ho capito che non mi rappresentavano. io non posso stare con chi dice sì al modello Minetti”.

A guidare la giovane, Willy Pasini, sessuologo, psicologo e scrittore. Facile l’ironia, “Pasini è un famoso sessuologo e di questi tempi ce n’è bisogno”.

Lo stesso professore si dice entusiasta della consigliera, andando in prima persona contro il metodo Minetti: “Sono stato captato dall’energia pulita che Sara rappresenta, è la Giovanna d’Arco italiana e per rompere la rassegnazione che ci circonda c’è bisogno di quest’energia. Va bene il sesso per tutti, ma non a carico dello Stato“.

Sara Giudice si è distinta all’interno del partito per non aver scelto la strada facile dell’accondiscendenza, comportamento di cui le donne dell’opposizione sono solite biasimare ministri quali Maria Stella Gelmini o Giorgia Meloni.

Sua la raccolta firme contro Nicole Minetti, consigliere regionale lombardo che aveva prelevato Ruby Rubacuori in caserma, su disposizione di Silvio Berlusconi. La Giudice azzarda anche un paragone con i giovani di Fli, partito di centrodestra che si contrappone al Pdl quasi quanto l’opposizione stessa: “I giovani di Fli sono combattivi, in gamba e ci accomuna una sorta di battaglia generazionale”.

In caso di vittoria delle elezioni, il sessuologo Pasini precisa il ruolo che Sara Giudice avrebbe già scelto: “Assessore alle Politiche sociali e alla salute”.

Carmine Della Pia