Serie A, Catania-Sampdoria 1-0: a Simeone lo scontro salvezza

Inizia male l’avventura di Alberto Cavasin sulla panchina della Sampdoria: la squadra genoana viene sconfitta dal Catania di Simeone, che in un campo poco agevole e completamente annacquato trova la vittoria con un gran goal di Llama. La Sampdoria gioca l’intera gara in dieci uomini per l’espulsione di Tissone dopo appena 20 minuti: priva di gioco e di un Maccarone in forma che possa fare da boa avanzato, la squadra di Cavasin non offre nulla in più di quella di Di Carlo vanificando l’intero ritiro alla Borghesiana. Il Catania sale a 32 punti, superando proprio la Samp, che ora ha appena tre punti in più sulla zona retrocessione.

1 TEMPO – Campo impregnatissimo dall’acqua caduta su Catania e partita veramente difficile da giocare per i 22 in campo. All’8′ è Maccarone ad approfittare del pantano di Catania e superando Silvestre arriva a tu per tu con Andujar: la palla però va fuori nel diagonale troppo aperto. All’11 arriva l’ammonizione per Tissone, per un’entrata con piede a martello su Lodi. Al 13′ lo stesso centrocampista va a calciare una buona punizione che però termina sul fondo.

Al 20′ brutta entrata di Laczko su Gomez: giallo per l’ungherese alla sua prima da titolare in Italia. Al 22′ Ricchiuti arriva a un buon tiro dalla distanza che però va sopra la traversa. Pochi secondi dopo Tissone trattiene Gomez in maniera abbastanza vistosa e viene ammonito per la seconda volta: Sampdoria in 10 uomini al 23′. Al 27′ punizione di Maccarone che non viene spizzata bene da Laczko in area di rigore.

Al 34′ il Catania inizia a fare sua la partita: Carboni da fuori area colpisce col sinistro, ma la palla va fuori. Al 42′ nervosismo in campo con Guberti e Gomez ammoniti per un accenno di rissa. Sul finire Lodi scodella in area per Marchese che calcia di sinistro al volo e sorvola di pochissimo la traversa.

2 TEMPO – Ziegler rileva Guberti e Gomez lascia il posto a Schelotto. Al 15′ punizione per la Sampdoria: va addirittura Mannini a calciarla, ma Andujar in due tempi riesce a parare. Al 25′ Ricchiuti va al tiro dalla breve distanza, ma trova una leggera deviazione di Volta che butta la palla vicino al palo: dal calcio d’angolo non nasce nulla.

Alla mezz’ora arriva un buon cross in area per il Catania: Llama gira al volo la palla verso la rete e trova il goal del vantaggio per la sua squadra. Esce poi Maxi Lopez ed entra Ledesma per conservare il vantaggio. Al 40′ grandissima occasione per il Catania con Bergessio che va in contropiede e a tu per tu con Curci prova a scavalcarlo con un pallonetto: Curci si allunga e para in due tempi a terra.

Al 45′ Dessena prova l’impossibile da centrocampo cercando di scavalcare Andujar: palla di poco sopra la traversa a spiovente, ma è questo il secondo tiro in porta della Sampdoria.

Un minuto dopo Curci deve intervenire quasi da difensore per evitare il 2 a 0 del Catania: con un rimballo riesce a respingere l’avanzata uscendo dall’area di rigore. Al 47′ Llama arriva al tiro da contropiede con Zauri che riesce a respingere: arriva Lodi che va alla botta sicura, ma trova Volta sulla traiettoria. La gara termina sull’1 a 0 per il Catania.

TABELLINO

Catania (4-2-3-1): Andujar; Alvarez (7′ st. Llama), Silvestre, Spolli, Marchese; Carboni, Lodi; Gomez (1′ st. Schelotto), Ricchiuti, Bergessio; Maxi Lopez (31′ st. Ledesma).
A disposizione: Kosicky, Morimoto, Augusutyn, Terlizzi.

Sampdoria (3-5-1-1): Curci; Zauri, Volta, Martinez; Mannini, Dessena, Tissone, Poli (34′ st. Biabiany), Laczko (17′ st. Koman); Guberti (1′ st. Ziegler); Maccarone.
A disposizione: Da Costa, Perticone, Obiang, Padalino.

RETI: 30′ st. Llama (C)

Ammoniti: 11′ pt. Tissone (S), 20′ pt. Laczko (S), 42′ pt. Guberti (S), 42′ pt. Gomez (C), 5′ st. Alvarez (C), 14′ st. Marchese (C), 30′ st. Llama (C)
Espulsi: 23′ pt. Tissone (S)

Mario Petillo