Terremoto Giappone: stimati 10.000 morti, paura per nuova esplosione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:01

13, marzo. Se il numero dei morti accertati è ormai prossimo ai 2000, le stime fatte dagli esperti dipingono un panorama enormemente peggiore. Nella sola prefettura di Miyagi, tra le più colpite dal terremoto e dallo tsunami conseguente, le vittime potrebbero essere più di 10.000. Lo ha riferito la NHK ( “la Rai” giapponese).

Anche il popolo giapponese ormai fatica a mantenere la tradizionale compostezza che lo contraddistingue. Le onde anomale hanno spazzato via interi quartieri, la gente ha perso la casa, i congiunti, tutto.

La crisi,”la peggiore che il paese affronta dalla fine della seconda guerra”, così come è stata definita dal premier giapponese Naoto Kan, passa anche dall’allarme nucleare. Dopo che le ultime notizie davano il livello di radiazioni in calo, nelle ore più recenti si è diffusa l’ipotesi di una nuova esplosione (dopo quella che si è verificata ieri) questa volta al reattore numero tre.  Quest’ultimo e il numero uno potrebbero poi fondere , almeno parzialmente, dando luogo alla fuoriusicta di materiale radioattivo come ad esempio il cesio 137. Il capo di gabinetto Edano, ha comunque precisato che si tratterebbe, nel caso del reattore numero tre di Fukushima, di una “deformazione del nucleo”  e non di una fusione.

In seguito ad una prima fusione di parte del reattore di Fukushima 1, sarebbero state contaminate almeno 10 persone, (22 secondo alcune fonti), ma è un bilancio che probabilmente è destinato a salire. La zona attorno alla centrale è stata evacuata ed è ora circondata da 20 km completamente deserti. più di 170.000 persone sono state costrette a lasciare le proprie abitazioni.

Le autorità giapponesi hanno invitato a risparmiare energia ed hanno avvisato che nei prossimi giorni potrebbero verificarsi temporanei blackout, anche a Tokyo. Nell’immane tragedia che ha inevitabilmente colpito anche i più piccoli,  una buona notizia: i quattro treni scomparsi a seguito del terremoto, sono stati ritrovati e i passeggeri dei suddetti sarebbero tutti salvi.

Gli esperti hanno poi rivisto al rialzo la potenza sviluppata dal sisma, passata dagli iniziali 8.8 di magnitudo ad 8.9 in un primo tempo ed ora a 9. Nella giornata di ieri si sono verificate nuove scosse più lievi ma più vicine a Tokyo.

A.S.