Giappone, l’esplosione di Fukushima scuote l’Europa – Video

In Giappone a far paura più di ogni altra cosa è ormai il rischio di una catastrofe nucleare. Un terzo reattore, il numero due della centrale atomica di Fukushima-Daiichi, registra infatti un problema di raffreddamento e al suo interno sarebbe già avvenuta una parziale fusione del nucleo, ipotesi che, se fosse confermata, getterebbe su un Paese già messo in ginocchio da morte e distruzione l’ombra della catastrofe.

Era notte in Italia, quando nella centrale è avvenuta una seconda esplosione (video in fondo all’articolo), stavolta al reattore numero tre. E ora i toni rassicuranti del governo e dell’Agenzia per la Sicurezza Nucleare che hanno escluso la possibiiltà di un disastro nucleare, lasciano il posto a quelli più realistici e purtroppo sconfortanti della Tepco, l’agenzia che gestisce l’impianto, secondo cui non si può escludere una fusione della parte centrale del reattore: il livello dell’acqua è infatti talmente basso che le barre di combustibile nucleare sono al momento totalmente esposte.

Significativo è il fatto che gli Stati Uniti abbiano spostato dal territorio giapponese una portaerei, che era in missione umanitaria, facendola allontanare dall’area, dopo aver accertato livelli di radiazioni anormali a 160 km dalla costa.

Intanto, nelle zone più colpite dal terremoto e dal conseguente tsunami arrivano decine di migliaia di soldati e squadre di soccorso. Milioni di persone sono ancora senza acqua, cibo, elettricità o gas; centinaia di migliaia i senzatetto. Sconvolgente è anche l’impatto economico del disastro: è ferma la maggior parte delle industrie, comprese quelle automobilistiche, mentre la borsa di Tokyo nella prima seduta post-terremoto ha fatto registrare una perdita di quasi 7 punti.

Ma la tragedia giapponese scatena in tutto il mondo il dibattito sulla sicurezza degli impianti nucleari. In allarme i ministri dell’Ambiente dell’Ue che si riuniscono oggi e domani a Bruxelles per esaminare la sicurezza delle centrali nucleari europee. Il commissario europeo dell’Energia, Guenther Oettinger, ha addirittura avvertito che l’incidente giapponese potrebbe portare alla chisura di alcune tra le più vecchie centrali nucleari tedesche. Si dice pronta a rivedere la sua politica nucleare anche la Svizzera, mentre l’India ha già avviato maggiori controlli nelle centrali.

(In basso il video dell’esplosione alla centrale Fukushima)

R. E.