Auto: in ripresa il mercato europeo, ma non per la Fiat

In ripresa il mercato dell’auto europeo, ma non per la Fiat, ancora in calo del 16,7% dopo il tonfo del 20,1% di gennaio.

A febbraio, nei 27 Paesi Ue più quelli Efta le nuove immatricolazioni, dai dati dell’’Acea, l’associazione che riunisce i costruttori europei di automobili, sono cresciute dell’1,4% rispetto a febbraio 2010, con un totale di 1.014.519 unità, a fronte delle 1.000.041 di un anno fa. A gennaio il mercato europeo era sceso dell’1,1% a 1.072.548 unità. Nei primi due mesi dell’anno le vendite sono cresciute dello 0,1% rispetto allo stesso periodo di un anno fa, totalizzandosi 2.087.121 immatricolazioni.

Il ruolo di Germania e Francia, il boom della Lituania e il tonfo di Grecia e Spagna. La ripresa di febbraio è legata principalmente al forte recupero di Germania e Francia. La Germania ha venduto 224.426 vetture, con un incremento del 15,2% rispetto a un anno fa, la Francia 204.400 vetture, con un aumento del 13,2%. Mese in rosso per l’Italia, -20,5% con 160.329 unità, Gran Bretagna, -7,7% con 63.424 unità, e tonfo per la Spagna, -27,6% con appena 66.120 unità. Calo vertiginoso per la Grecia, -49,1%, e dato negativo anche per il Portogallo, -12,7%. In ripresa tutti gli altri mercati, dal +1,2% della Polonia al +112,6% della Lituania.

Fiat sempre fanalino di coda. Ottimi exploit per Nissan, +21,7%, e Mitsubishi, +25,6%. Tra le case tedesche di lusso spiccano i risultati di Audi, +15,4% a 47.034 unità, e Bmw, +12,9% a 41.072, mentre regge Mercedes, +3,3% a 37.108. Tra i generalisti Volkswagen fa registrare un incremento dell’8,7% (120.316 vetture), Opel cresce dell’8,9% (72.542 unità), Renault segna un +2,7% (94.616). Vendite in calo per le francesi Peugeot (-3,5% a 76.975) e Citroen (-6,7% a 64.919) e per Ford (-12,1% a 73.133).

Ai vertici dei principali gruppi in Europa sempre in testa il gruppo Volkswagen, con una quota del 22,3% (+9,1% le vendite), seguito da PSA Peugeot Citroen al 14% (-5% le vendite), dal gruppo Renault all’11,2% (+3,1% le vendite) e dal gruppo Gm all’8,4% (+8,3% le vendite). In quinta posizione compare il gruppo Fiat (7,6%), che scavalca Ford, la  cui quota di mercato scende a febbraio al 7,2% (dall’8,3% di un anno fa).

Fiat Group, però, ha subito in Europa (Ue a 27 + Efta) un calo delle vendite del 16,7%, immatricolando 76.808 nuove vetture contro le 92.212 di febbraio 2010. Già a gennaio il Lingotto aveva registrato un calo del 20,1%, immatricolando 80.018 nuove vetture. Nei primi due mesi dell’anno il gruppo italiano ha venduto in Europa 156.937 unità, in calo del 18,4% rispetto alle 192.380 unità dello stesso periodo del 2010. Il calo ha riguardato tutti i brand ad eccezione di Alfa Romeo, le cui vendite il mese scorso hanno registrato un’impennata in Europa del 41,7% attestandosi a 11.461 unità contro le 8.088 di un anno fa.

Marco Notari