Messina: 15enne costretta dalla madre a prostituirsi con 73enne

Una donna di 45 costringeva sua figlia 15enne ad avere rapporti a pagamento con il suo anziano amante, un uomo di 73 anni.  La vicenda andava avanti da sette anni, da quando, cioè, la ragazza era una bambina e aveva solo otto anni. Madre e figlia abitavano in provincia di Messina, precisamente a Santo Stefano di Camastra. La donna costringeva la figlia a prostituirsi con l’ anziano 73enne, pensionato, per somme che variavano dai 20 ai 170 euro.

Hanno fatto luce slla losca vicenda i carabonieri di che hanno arrestato sia l’ uomo sia la donna, che era casalinga, con l’ accusa per i due è di violenza sessuale aggravata e continuata in concorso, nei confronti della piccola. I dettagli sulla faccenda, che fa davvero accapponare la pelle, sono stati forniti nel corso della conferenza stampa di stamane, tenutasi nella caserma dei carabinieri di Santo Stefano di Camastra.

La vittima oggi ha 15 anni e non ha ancora terminato gli studi alla scuola dell’ obbligo; al momento la ragazza è stata affidata alle cure provvisorie di alcuni parenti. Per provvedere alla sua salute sono stati allertati sia il Tribunale per i minori che i servizi sociali.

A. L.