Notizie strane, a Torino voci dal sottosuolo. Ma è un falso

Notizie strane ne girano tante, in questa nostra pazza Italia. Fra leggende metropolitane e miti di paese, ogni luogo ha la sua. L’ultima viene da Torino, città protagonista oggi nel compleanno del Bel Paese in quanto simbolo di antichi fasti monarchici (e non). La scorsa sera, nel capoluogo piemontese, è infatti avvenuta una strana circostanza, potremmo definirla ‘il mistero del tombino’. Intorno alle 8 di sera il centrale Corso Fanucci è stato chiuso per permettere l’intervento dei pompieri, alla ricerca di un fantomatico disperso nella rete fogniaria della città; la segnalazione era avvenuta 3 ore prima per opera di Clara, un’infermiera romena 36enne, che passando per quella zona aveva giurato di aver sentito delle grida provenire da sottoterra.
Un fenomeno inquietante, non c’è che dire, che ha messo all’erta popolazione e vigili del fuoco che hanno ritenuto opportuno intervenire prontamente.

Del resto la donna non sembrava mentire, testimonianza ne è il fatto che è rimasta davanti a quel tombino, come pietrificata dai rumori che era sicura provenissero proprio da là.

Nel frattempo, con la polizia municipale all’opera per chiudere la via al traffico stradale, si era venuto a creare lì intorno un capannello di persone e automobili incolonnate, tutti fermi ad attendere lo sconvolgente ritrovamento sotterraneo. Che però non c’è stato, non prima di ore e ore di minuziosi sopralluoghi delle autorità deputate. Alla giovane rumena non è rimasto che abbandonare Corso Fanucci, visibilmente scossa per quella che per tutti poteva sembrare un’allucinazione uditiva, per tutti ma forse non per lei. Misteri in quest’Italia 150ennale.