Terremoto Giappone: le onde coprono il porto (VIDEO)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:51

TERREMOTO GIAPPONE Ancora contributi provenienti dal Giappone, dove lo scorso venerdì un terremoto di magnitudo 8.9 sulla scala Richter (ben oltre il massimo previsto dal sistema di misurazione denominato Scala Mercalli, ndr) ha provocato uno tsunami di incredibili dimensioni che, colpendo le coste orientali della nazione del Sol Levante, ha distrutto diversi villaggi e città. Migliaia il numero di morti e imprecisato quello dei dispersi: le cifre fornite con costanza dalle forze dell’ordine sembrano salire di ora in ora. Gli ingenti danni hanno riguardato anche la centrale nucleare di Fukushima dove si sono registrate diverse esplosioni all’interno dei reattori dislocati nell’area: la fuoriuscita di materiale radioattivo e la sua immissione nell’aria tengono da giorni con il fiato sospeso la popolazione giapponese.

Il rischio di una nuova Chernobyl sembra dietro l’angolo e molte ambasciate straniere presenti a Tokyo hanno iniziato a invitare i propri connazionali a lasciare il suolo giapponese o ad allontanarsi a debita distanza per non rischiare di rimanere vittime della contaminazione. Nel  video pubblicato a fondo pagina potrete vedere l’impatto delle onde provocate dallo tsunami contro il molo del porto di Iloka, un villaggio di pescatori situato sulla costa giapponese. Era il 1916 e Giuseppe Ungaretti componeva la poesia Il porto sepolto inserendola nella raccolta L’AllegriaVi arriva il poeta/E poi torna alla luce con i suoi canti/E li disperde/Di questa poesia/Mi resta/Quel nulla/Di inesauribile segreto.
Questi i versi del poeta italiano. Nelle riprese effettuate dal videoamatore orientale, però, il porto protagonista viene ricoperto davvero dall’acqua e non dai ricordi. Di allegria ce ne sarà poca. Ma soprattutto nessun segreto verrà conservato: la morte, nella sua manifestazione più drammatica, urlerà a breve e il suo grido sarà udito da tutto il mondo.

S. O.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!