MotoGP, Stoner: “Vincere per la Honda e il Giappone”

MotoGp, Stoner: “Vincere per la Honda e il Giappone” – Già quasi tutti danno la sua vittoria certa, e molto difficilmente non sarà così. Casey Stoner da quando è salito sopra la Honda non si davvero più fermato, rimanendo costantemente davanti a tutti sia nei test invernali sia anche nel primo turno di libere del mondiale 2011. Una vera forza della natura che rende quasi vani i progressi dei suoi avversari, in primis Valentino Rossi più sorridente rispetto ai giorni precedente, anche se di lavoro ve ne è ancora molto da fare. Destino vuole però che proprio nel momento di quasi dominio della casa dell’ala nel motomondiale, il Giappone debba affrontare una delle più gravi (se non la più grave) crisi del dopoguerra a causa dell’ormai tristemente nota scossa di terremoto. Ed ecco che allora un risultato sportivo può assumere un significato ancora più profondo del normale.

“In questo difficile momento per il Giappone è duro pensare alle corse e questa tragedia è in cima ai nostri pensieri. Detto ciò, questo è il nostro lavoro, dobbiamo concentrarci e mettere a frutto il nostro talento per regalare alla Honda e ai suoi impiegati un buon risultatoVincere a Losail quindi diventerebbe un piccolo ma sentito regalo, un attimo di sorrisi in mezzo a tanta sofferenza. Non sarà per nulla facile ovviamente, ma le basi sono più che solide e i segnali incoraggianti: “Sono contento dell’assetto che abbiamo trovato e affronto questo fine settimana di gara determinato a far bene. Solo in gara vedremo il vero potenziale dei nostri avversari e non vedo l’ora di vedere come andrà. Di solito ho un buon feeling con questa pista e spero di centrare un buon risultato al mio debutto con il Repsol Honda Team Stasera si chiuderà la prima parte della gara inaugurale targata 2011, e tra qualifiche ma sopratutto gara i valori in campo saranno finalmente chiari ed analizzabili. L’australiano punta al gradino più alto ed anche ad un titolo iridato che chiuderebbe definitivamente una difficile e lunga parentesi della sua carriera. Manca davvero poco alla resa dei conti. Finalmente.

Riccardo Cangini