Ciclismo, Milano-Sanremo: trionfo di Matthew Goss

CICLISMO, MILANO- SANREMO – Non era fra i nomi pronosticati alla viglia. Ma si sa come vanno certe gare: difficilmente i favoriti mantengono le attese fino in fondo. L’australiano Matthew Goss si è aggiudicato la 102.ma edizione della Milano-Sanremo, precedendo nella volata a ranghi ridotti due nomi papabili alla vigliia: lo svizzero Fabian Cancellara e il belga Philippe Gilbert.

LA PIOGGIA RENDE LA CORSA SPETTACOLARE – E’ stata un’edizione movimentata che rimarrà nella storia recente della corsa come una delle più spettacolari. La pioggia ha reso un tracciato già difficile di suo ancora più pesante e ha mietuto vittime eccellenti come Thor Hushovd e Oscar Freire, altri due favoriti della vigilia, caduti a causa dell’asfalto scivoloso. Le cadute hanno frazionato il gruppo che, a 70 chilometri dall’arrivo, era diviso in diversi tronconi con Freire, Hushovd e Mark Cavendish attardati di due minuti.

LA CIPRESSA E MICHELE SCARPONI – Quando inizia la salita della Cipressa fra il primo e il secondo gruppo  ci sono circa settanta secondi. Michele Scarponi prova a raggiungere i primi con un bel forcing e in pochi chilometri ha già dimezzato lo svantaggio. Intanto smette di piovere. In cima alla Cipressa il gruppo dei migliori è andato via via perdendo pezzi,mentre Scarponi scollina a meno di trenta secondi e prima della salita del Poggio riprende il gruppo. Un gran numero il suo.

IL POGGIO, ATTACCO DI VAN AVERMAET – Prima della salita attaccano in quattro: Van Avermaet, Offredo, O’Grady e Chainel che iniziano il Poggio con 30 secondi di vantaggio. In salita attacca Van Avermaet mentre dal gruppo inseguitori si stacca Nibali che rimonta gli altri fuggitivi e mette nel mirino Van Avermaet che passa in cima al Poggio con 9 secondi di vantaggio su Nibali, O’Grady e Offredo. Subito dietro un gruppetto con Gilbert e Cancellara.

GOSS IMPERIALE – Finita la discesa del Poggio Van Avermaet prova a resistere al gruppo di nove corridori che nel frattempo si è fermato alle sue spalle, ma non c’è niente da fare e viene ripreso a 2,5 chilometri dal traguardo. Ci provano Cancellara, Gilbert  e Nibali ai cinquecento metri, ma si arriva alla volata finale che premia il 25enne Goss, al successo più importante della carriera.

Claudio Forleo