Marco Paolini con ITIS Galileo in scena al Teatro Goldoni dal 23 al 27 marzo

TEATRO – La stagione di prosa del Teatro Goldoni prosegue dal 23 al 27 marzo con uno degli spettacoli più attesi in cartellone: ITIS Galileo di Francesco Niccolini e Marco Paolini. Sul palco Marco Paolini inizia il suo racconto spiegando come essere geniali possa essere un problema in circostanze difficili, sopratutto per gli altri.

GALILEO – La figura di Galileo viene raccontata in scena da Paolini che, insieme a Niccolini e avvalendosi della consulenza storica di Giovanni de Martis e quella scientifica di Stefano Gattei, la utilizza come uno spunto di riflessione per parlare del presente. I contemporanei guardano al padre della scienza moderna come un divulgatore dei propri studi e una mente aperta fino alla fine della sua vita e viene spesso associato all’immagine di un anziano saggio vissuto quattrocento anni prima di noi, in un’epoca governata da certezze e rigidità di pensiero. La discussione a tra fra fede, ragione e superstizione prende vita durante lo spettacolo che cerca anche di rispondere ad una serie di domande: Forse la ragione ha perso appeal? La scienza ha deluso? Una morale laica non esiste?

LO SPETTACOLO – Sul palco del Teatro Goldoni di Venezia Marco Paolini racconterà e coinvolgerà lo spettatore dando vita ad un dialogo. “Un anno fa insieme ad alcuni amici e collaboratori abbiamo iniziato a leggere e scambiarci opinioni e domande su Galileo e Copernico e sul mondo in cui hanno vissuto. Da quei ragionamenti, da quelle letture non è nato un racconto compiuto, ma una serie di spunti da cui vale la pena di partire per continuare a cercare le domande giuste per interrogare il presente. Una fra tante: come mai quattrocento anni dopo Galileo continuiamo tutti i giorni a scrutar le stelle come fossero fisse per fare l’oroscopo, che cielo usiamo, quello di Copernico o quello di Tolomeo? Non solo due personaggi, la chiesa e la scienza dunque, ma almeno tre vanno messi in scena: i primi due e la magia, tornata protagonista del contemporaneo.
ITIS Galileo è un titolo piuttosto scolastico, serve ad avvertire gli spettatori che c’è da far fatica per arrivare a fine serata, ma l’attore non è e non vuole essere un professore; fa professione di ignoranza ma è curioso, anche per questo ogni serata farà storia a sé, e il copione sarà variabile
”, spiega Paolini presentando lo spettacolo.

I biglietti per ITIS Galileo sono acquistabili in prevendita presso la biglietteria del Teatro Goldoni e ai punti vendita HelloVenezia ad un prezzo compreso tra i 27€ e i 7€.

Beatrice Pagan

(foto di Tommaso Savoia)