Ruby: no a rinvio processo, Berlusconi in aula il 6 aprile

ruby rubacuori
Un netto no ai legali di Silvio Berlusconi: il processo si farà il 6 aprile, come previsto. Qualche giorno fa l’avvocato Ghedini aveva chiesto il rinvio dell’udienza perché avevano ricevuto “20mila carte da leggere in poco tempo”. Il posticipo non è stato accolto, e per il 6 aprile, come previsto inizialmente, il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, dovrà presentarsi in aula per rispondere alle accuse di concussione e prostituzione minorile.

Emergono, intanto, nuove informazioni circa la consapevolezza, da parte del premier e delle ragazze coinvolte nei presunti festini di Arcore, che qualcosa bolliva in pentola, sospetti che qualcuno aveva parlato con i magistrati, fornendo particolari troppo dettagliati sulle già famose cene che il Cavaliere amava dare per i suoi ospiti. In primis, le confessioni di Ruby, diciassettenne all’epoca delle serate trascorse con Silvio Berlusconi: “E’ venuto il mio avvocato, mi ha detto, Ruby, dobbiamo trovare una soluzione… è un caso che supera quello della D’Addario e della Letizia, perché tu eri proprio minorenne… adesso siamo tutti preoccupatissimi”, spiegava al telefono con un’amica. Il presidente del Consiglio, invece, parlava con una delle ragazze stesse, dispiaciuto che “in tutte le conversazioni non c’è una cosa positiva che, nessuna, abbia detto su di me”. Eppure, in vista del processo, il Cav aveva parlato di una sua futura apparizione in tv per difendere sé stesso dalle accuse e le ragazze coinvolte.

La soubrette Marysthelle Polanco e il consigliere regionale Nicole Minetti, invece, erano a conoscenza degli interrogatori di Ruby, e speravano che la ragazzina non parlasse troppo. “Amo, tranqui, (l’invito da parte di Silvio Berlusconi) è per parlarci della storia della Ruby“, scriveva la Minetti, e Marysthelle rispondeva, “Ok, amo, nn voglio casini. Quella chi la conosce? Ha fatto i nostri nomi ai magistrati!”. L’ex igienista dentale del premier confermava, “Si, amo, l’hanno interrogata 22 volte”.

Carmine Della Pia