Serie A, Napoli-Cagliari 2-1: doppio Cavani stende Donadoni

NAPOLI-CAGLIARI 2-1 – Il Napoli si aggiudica i 3 punti contro il Cagliari nel posticipo della 30^ giornata di Serie A. Decide il match una doppietta di Cavani che interrompe il digiuno che durava da sei partite ufficiali. Momentaneo pareggio degli ospiti siglato da Acquafresca con la complicità dell’intervento non ottimale di Cannavaro e dell’indecisione di De Sanctis in uscita. Dopo 18 anni il Napoli torna a battere i sardi al San Paolo e riduce a soli 3 punti il distacco dal Milan capolista. Seconda sconfitta consecutiva invece per gli uomini di Donadoni che vede spegnersi nel giro di una settimana il sogno europeo. Da segnalare lo storico primato di De Sanctis: il portiere azzurro al 21′ del primo tempo può festeggiare il record d’imbattibilità casalinga superando i 1100 minuti senza subire gol.

UN PRIMO TEMPO DA SBADIGLI – Partita a ritmi non elevatissimi nei primi 45 minuti di gioco, con poche occasioni per entrambe le squadre. La prima azione pericolosa arriva al 14′ dai piedi di Acquafresca che sfugge al fuorigioco azzurro e in contropiede conclude poco distante dai pali di De Sanctis. Risponde il Napoli con una combinazione Cavani-Lavezzi con quest’ultimo che angola troppo il diagonale dal limite dell’area piccola. Un solo vero brivido attraversa i padroni di casa al 32′ quando l’infrenabile Acquafresca con un mezzo pallonetto mette fuori causa l’estremo difensore azzurro con la palla che si perde sul fondo.

NEL SEGNO DI CAVANI – Il Napoli inizia la ripresa con la voglia di far subito sua la partita. Passano solo 3′ dal rientro in campo e Lavezzi viene atterrato in area di rigore da Ariaudo: dal dischetto si presenta Cavani che spiazza Agazzi e sigla in 21esimo gol in campionato. Immediata la reazione del Cagliari che al 55′ ancora con Acquafresca sfrutta un’indecisione di Cannavaro e pareggia i conti. Il risultato cambia ancora pochi minuti dopo: rovesciata di Santacroce a liberare, stop di Hamsik che lancia Cavani a tu per tu con Agazzi e pallone che si infila con un morbido pallonetto. 2-1 e tutto da rifare per i cagliaritani. I partenopei amministrano senza affanni la gara, andando vicino al terzo gol con Mascara a 10 minuti dalla fine con un colpo di testa che si stampa sul palo. Finisce 2-1 e il Napoli resta in corsa per la vetta della classifica.

MAZZARRI ENTUSIASTA, DONADONI APPLAUDE I SUOIWalter Mazzarri non può che essere soddisfatto della vittoria contro il Cagliari: “Sono contento della prestazione. Il Cagliari è una squadra ben organizzata ed allenata, sapevamo le difficoltà che avremmo incontrato. Potevamo chiudere la gara prima, ma va bene così. Sono contento per Cavani, è un ragazzo d’oro che si sacrifica per la squadra. Non guardiamo la classifica, pensiamo solo a far bene“.

Nonostante la sconfitta Donadoni non rimprovera i suoi: “Abbiamo interpretato bene la gara, anche se gli errori ci hanno condannato. Il Napoli non è una squadra che perdona, è un vero peccato. E’ stata comunque una bella partita da parte nostra“.

IL TABELLINO: NAPOLI-CAGLIARI 2-1

Napoli (3-4-2-1): De Sanctis; Santacroce, Cannavaro, Ruiz; Zuniga, Pazienza, Yebda, Dossena (37′ st Aronica); Hamsik (34′ st Mascara), Lavezzi; Cavani. A disposizione: Iezzo, Cribari, Sosa, Blasi, Lucarelli. Allenatore: Mazzarri.

Cagliari (4-3-2-1): Agazzi; Perico, Canini, Ariaudo, Agostini; Nainggolan (26′ st Lazzari), Conti, Biondini; Missiroli (34′ st Ragatzu), Cossu; Acquafresca. A disposizione: Pelizzoli, Magliocchetti, Dametto, Laner, Capellini. Allenatore: Donadoni.

Arbitro: Damato di Barletta

Marcatori: 4′ st Cavani rig. (N), 12′ st Acquafresca (C), 16′ st Cavani (N)

Ammoniti: Conti (C), Ariaudo (C), Lavezzi (N)

Giuseppe Carotenuto