Calciomercato, Raiola non esclude un ritorno di Balotelli a Milano

Balotelli, Milan – Non è un momento felice per Mario Balotelli al Manchester City.
Dopo l’espulsione meritata in Europa League e aver mancato la convocazione di Prandelli per la prossima partita della nazionale, si alimentano voci di mercato attorno a lui.
Il suo procuratore, Mino Raiola, non ha escluso dalle pagine della “Gazzetta dello Sport” che “SuperMario” possa tornare a giocare il derby di Milano.
Difficile ipotizzare un rientro all’Inter, dove il giocatore bresciano di origine ghanese non ha lasciato un buon ricordo, si fa strada allora  la concreta possibilità che il giocatore possa vestire la casacca del Milan, società che lo stima e lo segue da sempre.

Periodo buio – I frequenti infortuni che il calciatore ha dovuto subire recentemente, ne hanno certamente frenato la crescita.
Ma Balotelli ci ha messo anche del suo: il calcione rifilato a Popov durante il match di Europa League contro la Dinamo Kiev non è in alcun modo giustificabile.
I rendimenti altalenanti e l’irrefrenabile voglia di spaccare il mondo ne hanno certamente condizionato la stima da parte dei tifosi inglesi, che adesso cominciano a sopportarlo a malapena.
Di tutto ciò è al corrente il ct Prandelli, che lo ha escluso per motivi disciplinari dai convocati per la prossima partita della Nazionale azzurra contro la Slovenia.

La difesa di Raiola – A commentare e in parte giustificare il periodo buio del giocatore sono stati Mancini, attuale allenatore del Manchester City e Raiola, suo procuratore.
Il primo, che ha bisogno come del pane delle prestazioni di Mario Balotelli per rinsaldare la propria panchina, lo ha difeso a spada tratta.
Il secondo, seppur ammettendo un momento difficile e di scarsa lucidità, ha dichiarato: “la mancata convocazione in nazionale non lo ha reso felice, tutta colpa di una espulsione per un intervento non intenzionale su di un avversario in Europa League. Lui voleva solo spaccare il mondo”. E poi: “Spero che Mario torni a giocare il derby di Milano, lì si vedono i grandi campioni”.
Il Milan è avvisato.

Rosario Amico