Unità d’Italia: 17 marzo festa ogni anno

italia 150
17 marzo festa ogni anno. Passa al Senato un emendamento Idv sul 17 marzo, istituito come giorno da celebrarsi ogni anno. La maggioranza è stata battuta per un solo voto: 9 da parte di Idv e Pd, 8 da Pdl e Lega. Il decreto dovrebbe essere modificato dall’Aula al Senato ristabilendo il testo originale: solo per quest’anno è stato festeggiato il 150/mo anniversario dell’Unità d’Italia, dal 2012 il 17 marzo è La giornata nazionale dell’indipendenza della Nazione e della indivisibilità della Repubblica. Per buona pace dei detrattori che hanno contestato, quest’anno, la chiusura di scuole e uffici, dal prossimo anno non vi sarà lo stop alle lezioni e al lavoro, bensì Regioni, Province e Comuni promuoveranno diverse iniziative ed eventi legati ai temi citati e volti alla celebrazione del patrimonio storico e istituzionale italiano. Per domani mattina è previsto il passaggio del dl in aula.

150/mo anniversario e polemiche. Il decreto che siglava il 17 marzo 2011 come festa nazionale per l’Unità d’Italia aveva creato notevoli polemiche in merito alla chiusura di scuole e uffici. L’emendamento proposto da Idv e passato al Senato istituisce, dal 2012, La giornata nazionale dell’indipendenza della Nazione e della indivisibilità della Repubblica, e sarà celebrata con numerose iniziative. Nei mesi scorsi, rappresentanti politici e dei lavoratori si erano opposti alla festa, non per il suo valore, bensì per questioni pratiche: un giorno in meno alle lezioni e agli operai avrebbero creato grossi deficit, soprattutto per la cadenza di giovedì, che avrebbe comportato, come si visto la scorsa settimana, un sicuro ponte. Il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, aveva esortato al proseguimento dei lavori per non creare ulteriori disagi, mentre dalla Lega sono giunte critiche più o meno pretestuose sul significato delle celebrazioni. A tal proposito, si ricordi la querelle che vide coinvolti il capo dello Stato, Giorgio Napolitano, e il presidente della Provincia di Bolzano, Luis Durnwalder.

Carmine Della Pia