In piazza contro la privatizzazione dell’acqua

privatizzazione acqua
In piazza per i beni comuni. I garibaldini dell’acqua saranno in piazza domani per dire no alla privatizzazione dei beni comuni essenziali. Da piazza della Repubblica, Roma, si parte alle 14 per una manifestazione nazionale con cui i cittadini si schierano anche contro il nucleare in Italia e la guerra in Libia. In vista dei referendum del prossimo 12 e 13 giugno, sono state raccolte oltre un milione e quattrocentimila firme. Numerose le iniziative per sensibilizzare e contrastare la scelta di rendere privato un bene essenziale come l’acqua, tra video su Youtube e siti internet sull’argomento. Al tema che sarà discusso ai referendum di giugno, si affianca la protesta contro l’intervento militare in Libia, una manifestazione che vuole combattere la “drammatica crisi economica, sociale, ecologica e di democrazia nella quale siamo tuttora immersi”. Al presidente Napolitano un’opera che ritrae la penisola.

I referendum di giugno. Il prossimo 12 e 13 giugno i cittadini italiani sono chiamati a votare su argomenti quali il nucleare in Italia e la privatizzazione dell’acqua. Il comitato promotore della manifestazione nazionale che si terrà domani a Roma si dice entusiasta, in quanto la decisione “può costituire una prima e fondamentale tappa non solo per riconsegnare il bene comune acqua alla gestione partecipativa delle comunità locali, ma anche invertire la rotta e sconfiggere le politiche liberiste e le privatizzazioni dei beni comuni che negli ultimi trent’anni hanno prodotto solo l’impoverimento di larga parte delle popolazioni e dei territori”. L’invito rivolto ai cittadini è che venga dimostrato “il proprio rifiuto a scelte dettate da interessi economici e di potere che disprezzano e distruggono il diritto alla vita, all’acqua, alla salute e ai beni comuni delle popolazioni e del pianeta”. A ciò si aggiunge la recente discussione circa l’entrata del nucleare in Italia. I garibaldini hanno consegnato, inoltre, l’opera L’Acqua Bene Comune unisce l’Italia, un collage di immagini degli attivisti che riproduce la forma della penisola.

Carmine Della Pia