Torna l’ora legale, risparmio energetico di oltre 80 milioni di euro

Stanotte torna l’ora legale. Alle 2.00 sarà, dunque, necessario spostare in avanti di un’ora le lancette del nostro orologio. Con il cambiamento dell’orario cambierà drasticamente anche l’equilibrio giornaliero e lo stile di vita ai quali ci siamo abituati in tutti questi mesi, con conseguente perdita di sonno ed aumento dello stress. Se, come spesso accade, saranno i giovani i più colpiti da tale passaggio, per la semplice ragione che fanno tardi la sera, il salvadanaio delle famiglie italiane ne trarrà certamente un non trascurabile vantaggio, visto che con un’ora di luce in più si avrà un notevole risparmio energetico. Con l’ora legale, infatti, della durata di sette mesi (fino a fine ottobre 2011), gli italiani, in termini di consumo di energia, usufruiranno di un risparmio di milioni di euro: l’anno passato di 85 milioni. Grazie, quindi, al ridotto uso della luce artificiale, in base ai dati resi noti da Terna, operatore di reti per la trasmissione dell’energia elettrica, l’Italia ha potuto risparmiare 644,4 milioni di kilowattora (643 milioni di kWh il minor consumo del 2009), un valore pari al consumo medio annuo di elettricità di circa 215.000 famiglie.

Mauro Sedda