Prova costume? Affrontala con la dieta mediterranea!

La primavera è finalmente iniziata. La maggior parte delle signorine ha ormai iniziato ad indossare abiti meno castigati rispetto a quelli invernali ed a notare, quindi, che l’ inverno ha lasciato, anche quest’anno il segno. Sono molte le donne che, durante la stagione fredda, ingrassano e si ritrovano, poi, a dover combattere durante la primavera con i chili accumulati al fine di poter sfoggiare il tanto ambito fisico asciutto durante la stagione estiva. Siete anche voi fra le donne che non sono riuscite a resistere al fascino del panettone e dei cannelloni? Niente panico! Perdere peso è più facile di quanto si possa immaginare, soprattutto se si tratta di qualche chilo e non di dieci chili o più, per perdere i quali sarebbe bene recarsi da un esperto del settore. Come ritrovare la forma perduta? Attraverso il ricorso alla sana dieta mediterranea, che rimane sempre e comunque una delle forme d’alimentazione meno stravaganti e più efficaci. Cosa mangiare a colazione? Un cappuccino, una fetta di pane con la marmellata ed un bicchiere di succo di frutta costituiscono un ottimo modo per iniziare la giornata. Una cosa a cui bisogna prestare molta attenzione sono i fuori pasto: bisogna impegnarsi a non spizzicare ed a limitarsi a due soli spuntini: uno a metà mattina ed uno a metà pomeriggio. Tali “merende” vanno gestite alternando uno yogurt magro ad un frutto oppure ad un pacchetto di cracker. A pranzo sarebbe bene prediligere alimenti a base di carboidrati abbinati a delle verdure poco condite: patate lesse e fagiolini, pasta al pomodoro e basilico e insalata, zuppa di legumi e zucchine…sono tutti dei pasti validi, nutrienti e salutari. A cena? Sì al pesce, alla carne ed alle uova, ma abbinati sempre e comunque a della verdura poco condita e ad un pezzetto di pane. Siamo ancora a marzo: se riuscissimo a mangiare in questo modo fino ad aprile riusciremmo, probabilmente ad avere il fisico dei nostri sogni a luglio; ovviamente abbinando alla dieta della sana attività fisica.

M.C.