Controfigura attacca Natalie Portman: “Non è lei il cigno nero”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:07

False scene di ballo in Black Swan – Ti pareva. Sembrava andare tutto bene per Natalie Portman: donna innamorata, mamma ormai prossima, attrice da poco consacrata con l’Oscar per l’interpretazione in The Black Swan. Ma proprio dal suo ruolo in quest’ultimo film – quello di una ballerina timida e ambiziosa, piena di lati oscuri – arrivano le prime rogne. Le sue movenze da ballerina, che tanto le erano valse l’ammirazione e il plauso di tutti per essere state conquistate in poco più di un anno di esercitazioni con il coreografo Benjamin Millepied (ma anche dopo un’infanzia dedicata agli studi di danza classica), in realtà non sarebbero sue. Le accuse arrivano da Sarah Lane, ballerina dell’American Ballet Theatre, che – stando a quanto riportato dall’Andkronos – ha dichiarato che non più del 5% delle scene di danza sarebbero state girate veramente dalla Portman.

“Hanno cercato di mantenere la favola di Natalie diventata ballerina in un anno e mezzo – ha accusato la ragazza – Ma praticamente tutta la danza l’ho fatta io. Natalie e io abbiamo alternato le riprese. Facevano i primi piani di lei, la faccia e dalle braccia in su, poi facevano le riprese con me, l’intero corpo o un primo piano dei miei piedi. E a quel punto hanno inserito digitalmente la sua faccia sul mio corpo“. Un trucchetto, insomma, magari montato ad arte per pompare il film con il classico mito dell’attore stile “Actor Studio”; quello, per intederci, dell’attore completamente devoto al ruolo, che impara a scazzottare quando deve fare il pugile, a rubare quando deve fare il ladro e – appunto – a ballare quando si cimenta in un ruolo sul mondo della danza.

Le accuse sono forse scaturite dalla cocente delusione della Lane per non essere stata neanche citata nel discorso di ringraziamento della Portman alla cerimonia degli Oscar. L’attacco è stato comunque prontamente rispedito al mittente dalla Fox Searchlight, casa produttrice del film diretto da Darren Aronofsky: “Ci riteniamo fortunati ad avere avuto Sarah per le scene di danza più difficili e lodiamo il suo lavoro – hanno reso noto in un comunicato stampa -, ma è Natalie che balla nella maggior parte del film“. La stessa tesi è sostenuta dal coreografo Millepied, secondo cui l’85% delle scene di danza sarebbero dell’attrice. Un conflitto d’interessi? Forse. Millepied è infatti l’attuale compagno di vita della Portman, nonché padre del suo futuro figlio, conosciuto proprio sul set del film. Almeno con questo l’interprete di The Black Swan potrà consolarsi: vere o false che siano le accuse, il benigno cigno nero le ha portato un Oscar e una nuova famiglia. E quelle non gliele potrà portare via nessuno.

Roberto Del Bove

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!