Yara e Sarah: il cocktail del cattivo gusto presentato a Pompei

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:37

Pompei – Un professore dell’istituto tecnico alberghiero Virtuoso di Salerno ha oggi trovato la ribalta con una trovata che è stata definita di cattivo gusto in maniera unanime. Carmine De Rosa, questo il nome dell’insegnante, ha presentato un nuovo cocktail nell’ambito di un concorso regionale svoltosi all’interno di un albergo di Pompei, la località napoletana nota per i suoi scavi archeologici. A far discutere della creazione del professore non sono stati gli ingredienti utilizzati, ma il nome con cui l’intruglio è stato battezzato. Attingendo a piene mani dal trash, De Rosa ha deciso di chiamare il suo cocktail Yara e Sarah.

«Ho pensato ai volti sorridenti di Yara e Sarah» – L’imbarazzo che si è creato attorno alla figura dell’insegnante campano è stato elevato nel momento stesso in cui è stato presentato ufficialmente il cocktail: vedere associato il nome di due ragazzine, uccise barbaramente, a una bevanda da bere magari in una serata di perdizione è qualcosa difficile da digerire, ancor più della gradazione alcolica della stessa. Ma a peggiorare l’immagine del professore De Rosa sono arrivate le sue stesse parole a commento della decisione di dedicare la sua invenzione a Yara Gambirasio e Sarah Scazzi: «Chi come me ama il proprio lavoro sa che un cocktail è metafora di gioia, di vita, condivisione di sentimenti profondi. Così ho pensato a Yara Gambirasio e Sarah Scazzi, ai loro volti sorridenti nelle foto che quotidianamente vengono diffuse dalla tv nel raccontarci dei drammi che dovrebbero far riflettere l’intera società».
La motivazione risulta essere talmente banale che si potrebbe sospettare che qualcuno abbia suggerito al professor Carmine De Rosa cosa dire a giustificazione della propria pensata. Tuttavia, facciamo fatica a immaginare il perché di tutto ciò. Probabilmente quello verificatosi oggi a Pompei è stata solo una manifestazione di cattivo gusto, al pari del vestito di carnevale che, qualche settimana fa, era stato dedicato a Michele Misseri, lo zio orco di Sarah.

Simone Olivelli

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!