Roma, si avvicina Sabatini. A Trigoria sostegno per De Rossi

Roma, vicino Sabatini – Nell’organigramma della nuova Roma targata Di Benedetto dovrebbe esserci anche Walter Sabatini. L’ex ds del Palermo aveva da poco raggiunto un accordo di massima con la Sampdoria per la prossima stagione ma dopo aver ascoltato e valutato l’offerta dell’imprenditore italo-americano sembra essere orientato ad approdare in casa giallorossa: “Prima di dare la mia disponibilità a DiBenedetto ho dovuto esercitare il disimpegno con il club ligure. L’ho fatto con una certa difficoltà perché fin dai primi incontri mi ero reso conto di trovarmi di fronte a persone importanti. Ho dovuto fare una scelta diversa quando mi è giunta la richiesta di DiBenedetto”.

Sostegno a De Rossi – Questa mattina a Trigoria un centinaio di tifosi si sono radunati all’esterno del centro tecnico ‘Fulvio Bernanrdini’ per incitare Daniele De Rossi. Un’iniziativa nata su Facebook in settimana che continuerà domani sera allo Stadio Olimpico quando in molti indosseranno la maglia numero 16 del centrocampista di Ostia. Molti gli striscioni esposti a Trigoria: ‘Campione in campo, uno di noi fuori’, ‘Daniele De Rossi il nostro vanto’, ‘Daniele De Rossi romanista a vita‘. Alle 10 in punto il calciatore è uscito per ringraziare e parlare con i tifosi presenti, quest’ultimi gli hanno regalato un quadro raffigurante lo stesso che bacia la maglia.

Montella in conferenza stampa – Alle 12,45 si è tenuta la conferenza stampa del tecnico giallorosso Vincenzo Montella. Apparso molto concentrato l’ex centravanti ha risposto a tutte le domande. La gara di domani potrebbe essere il vero e proprio crocevia per gli obiettivi romanisti:Mancano poche partite che possono essere anche tante. La settimana dopo avremo uno scontro diretto con l’Udinese vincendolo sarebbe tutto ancora aperto. Potrebbe voler dire ancora di più dei tre punti”. E la situazione societaria?So che non posso sottrarmi a queste domande ma non vorrei dilungarmi molto su questo argomento. La squadra è concentrata sulla partita di domani, i ragazzi sono abituati a convivere con queste voci già da molto tempo”.

Simone Meloni