Gasparri contro i Muse e i Metallica: La smettano di insultare Berlusconi

E chi l’avrebbe detto che il senatore del Pdl, Maurizio Gasparri, sarebbe riuscito a polemizzare anche con i Muse e i Metallica? L’insolita notizia è arrivata oggi ed è stata riportata dal quotidiano L’Unità. Secondo quanto riferito, i front man delle due popolarissime band avrebbero consegnato considerazioni al vetriolo a Klaus Davi nel suo ultimo libro dal titolo “Porca Italia – Cosa dicono (e pensano) di noi nel mondo”. Più precisamente: per Kirk Hammett, chitarrista dei Metallica: “Silvio Berlusconi è un uomo imbarazzante“, mentre per Matt Bellamy, voce dei Muse: “Il presidente del Consiglio italiano è un uomo bizzarro“. Valutazioni ingenerose, che hanno spinto Maurizio Gasparri a reagire con stizza: “Sono solo dei drogati – ha tagliato corto il pidiellino – essere insultati da loro è per noi motivo di vanto”.

Una polemica rock – Si parte dalle dichiarazioni raccolte da Klaus Davi nel suo ultimo libro pubblicato da Garzanti: “Porca Italia – Cosa dicono (e pensano) di noi nel mondo“. Un  testo divertente e feroce insieme, nel quale hanno trovato ospitalità molti impietosi giudizi sul BelPaese forniti (anche) da popolarissime star internazionali. Come Kirk Hammett, storico chitarrista dei Metallica, che – interpellato dall’autore sulla politica italiana – ha detto: “Considero Berlusconi un uomo pericoloso perché ha troppo potere. Mi spaventa che Berlusconi possa allo stesso tempo possedere i media e guidare il Paese. E’ un uomo imbarazzante, da noi non potrebbe mai succedere quanto accade politicamente da voi”. Più o meno quanto dichiarato dal suo “collega” Matt Bellamay, front man dei Muse: “Silvio Berlusconi è bizzarro – ha osato il musicista britannico – Trovo molto strano che uno come lui possa essere un leader politico. All’estero dicono tutti la stessa cosa: nessuno può credere che sia davvero lui il premier”.

Gasparri: “Sono solo dei drogati” – Ma a difendere il Cavaliere dagli “strali rockettari” ci ha subito pensato Maurizio Gasparri: “Credo che questi gruppi – ha commentato – invece di rilasciare interviste e promuovere video con attacchi a Berlusconi dovrebbero impegnarsi contro l’uso di droghe leggere e pensati. Dare messaggi favorevoli alla droga significa dare messaggi distorti. Penso che invece di esercitarsi a insultare il nostro premier e il nostro Paese – ha insistito il capogruppo del Pdl al Senato – darebbero un segnale positivo se condannassero l’uso di droghe. Essere insultati da gruppi rock che hanno ammesso l’uso di droga – ha rincarato Gasparri – è una medaglia per il nostro Paese e chi lo governa”.

Maria Saporito