Serie A, Genoa-Cagliari 0-1: decide l’ex di turno Acquafresca

Genoa-Cagliari 0-1 – La legge del gol dell’ex viene applicata alla lettera: Genoa-Cagliari è stata decisa da una rete di Robert Acquafresca al 16′ del primo tempo. Vittoria legittimata dai sardi nel corso del primo tempo, mentre i padroni di casa non si rendono quasi mai pericolosi e non riescono ad organizzare una reazione che possa definirsi tale.
Con questa sconfitta il Genoa abbandona definitivamente il sogno europeo, mentre una minima chance può nutrirla ancora la squadra di Donadoni.
Ballardini, tecnico del “Grifone”, ammette la superiorità dei sardi: “Il Cagliari è stato migliore di noi. Abbiamo avuto problemi grossi in mezzo al campo. Ci meritiamo, comunque, i fischi dei tifosi”.
Donadoni, invece, sorride per la prestazione: “Una grande partita: da qui alla fine del torneo voglio vedere questo spirito. Chiave del successo non aver dato punti di riferimento agli avversari”.

Assolo Cagliari – La prima frazione di gioco è un monologo isolano: gli ospiti passano al minuto 16 con Acquafresca, che trafigge Eduardo con un bel colpo di testa. Poi tante occasioni per il raddoppio: chance per Perico e altre due volte per l’ex di turno ma la più ghiotta capita a Missiroli: la sua incornata finisce sulla traversa.
L’unico sussulto genoano arriva al 34′: gran tiro a giro di Eduardo e sublime deviazione in angolo di Agazzi.
Il primo tempo è qui.

Sterile reazione – Il Genoa è tutto Palacio: l’argentino è l’unico che prova con lucidità a cercare il pari, ma la precisione è poca. La chance buona  la ha al 26′, ma il diagonale è troppo largo. Al 30′ viene annullato  un gol a Floro Flores per fuorigioco, poi il nulla. Il Cagliari cala, ma ritrova lucidità con gli innesti di Laner e Ragatzu. E regge fino al 90′.

Edoardo Cozza