MotoGP, Rossi prova a Jerez la Ducati Gp12

MotoGp, Rossi sulla Gp12 – Il motomondiale dopo la incredibile gara di domenica si è preso un mese di stop (complice anche la cancellazione del Gp del Giappone), per placare gli animi e chiarire le idee. Non per questo però i team resteranno con le mani in mano, ed anzi le prossime settimane saranno piene di lavoro e test sia in vista delle gare in calendario sia per la nuova stagione 2012. Honda, Yamaha e Ducati hanno già creato le nuove mille che sostituiranno le attuali 800, ma manca ancora il primo vero approccio in pista. Un importante passo che la Ducati pare voler fare sempre a Jerez con Valentino Rossi, anticipando di molto la scaletta dei tempi in modo di avere già un vantaggio.

Scelta strategica – L’ufficialità non vi è e le bocche a Borgo Panigale restano cucite. Fatto sta che da lunedì vi è questa forte possibilità di vedere il nove volte campione del mondo al lavoro sopra la GP12, così da creare subito il giusto feeling ed impostare lo sviluppo nella direzione che vuole lui. Non è un segreto infatti che l’attuale desmosedici si sposa male con lo stile di guida del dottore, ma visto che le risorse sono quasi tutte concentrare sul nuovo progetto non si potranno avere cambiamenti radicali ma solo piccoli affinamenti uniti ad una sana dose di ottimismo. Provare subito quindi per evitare quello che sta accadendo ora, presentandosi al via della prossima stagione con tutto il lavoro fatto e la chiara intenzione di vincere il titolo.

A norma di legge – Il regolamento inoltre non vieta questa ipotesi. La Dorna ha concesso alle squadre iscritte al campionato 8 giorni di test complessivi con le moto 2012 per i piloti ufficiali, un piccolo strappo alla regola visto che la mole di lavoro da fare è davvero tanta per tutti quanti. La casa italiana quindi si potrebbe già giocare uno di questi giorni, prendendo in contropiede tutti gli altri concorrenti che volevano iniziare solo dal 4 luglio in poi. Vedremo se questo accadrà davvero, considerando che tutt’ora Vale si trova nella sua amata Tavullia. Venerdì e sabato si accenderanno i motori, non resta che aspettare.

Riccardo Cangini